Pedaggio sull'Ascoli-Mare, il Movimento difesa del cittadino critica la Provincia di Ascoli

autostradaASCOLI 11/2/2011 - Secondo il MDC la proroga di qualche anno, chiesta dalla Provincia di Ascoli al ministero delle infrastrutture, suona come un'accettazione passiva dell'imposizione del pedaggio

Lo stop agli aumenti dei pedaggi autostradali venne esteso a tutta l'Italia. Lo decise la I sezione del Tar del Lazio, accogliendo il ricorso proposto dal Movimento Difesa del Cittadino MDC con l'avvocato Gianluigi Pellegrino.
Il Movimento Difesa del Cittadino si era rivolto al Tar del Lazio per chiedere la sospensione del decreto governativo del 25 giugno 2010 che individuò i caselli autostradali presso i quali dal primo luglio 2010 doveva applicarsi l’aumento forfettario previsto dalla Finanziaria. In realtà una vera e propria tassa che il Governo aveva evitato di chiamare con il suo vero nome.
Il TAR Lazio il 29 luglio 2010 aveva bloccato l’aumento dei pedaggi a fronte dei ricorsi presentati tra gli altri anche dalla Provincia di Pescara, ma NON da quella di Ascoli.

Ma il primo settembre 2010 il Consiglio di Stato aveva precisato che la decisione valeva solo a beneficio degli enti territoriali che avevano presentato il ricorso al TAR e tra i quali NON c’era appunto la Provincia di Ascoli Piceno!

L’ANAS comunque - sia detto per completezza - aveva scelto di sospendere già da luglio gli aumenti su tutto il territorio nazionale sino alle decisioni definitive di merito.

Il Piceno particolarmente penalizzato dall’aumento del pedaggio previsto per il Casello di San Benedetto del Tronto - rileva l’avv. Micaela Girardi, Pres. MDC Marche – subì anche l’inerzia dell’Amministrazione Provinciale di Ascoli Piceno.

Oggi, dopo la gara con cui l’ANAS ha assegnato l’appalto per il telepedaggio nei raccordi autostradali, MDC Marche condivide e sostiene tutte le manifestazioni e le iniziative contro l’introduzione del pedaggio nell’Ascoli-mare, unica arteria coinvolta in tutta la Regione Marche.

Purtroppo la scelta della Provincia di Ascoli di chiedere una proroga al Ministro delle Infrastrutture suona come accettazione passiva dell’imposizione del pedaggio, per evitare il quale invece l’Amministrazione Provinciale dovrebbe adoperarsi perchè per ragioni economiche, amministrative e per la carenza di infrastrutture è ingiusto che gravi sul Piceno.

Roberto Roberti - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
 
scuola_calcio_sportl_2020_x_sito
Banner
Picenamb_luglio_196x196
Banner
Magicar_x_sito_ott20
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
Banner_dott.ssa_Assenti
Banner
RFN_x_sito
Banner
La_Torretta_x_sito_quadrato
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Padre S. Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI