Inaugurato il primo agrinido delle Marche

agrinidoMACERATA 30.1.2012 - Il progetto promosso dalla Regione nell'ambito del bando sull'agricoltura sociale

Inaugurata a Pievebovigliana il primo agrinido, i bimbi imparano in mezzo alla natura. Con un comune su due scoperto dal servizio dell'asilo, dalla campagna arriva l'agrinido, dove i bambini possono imparare a contatto con la natura, mungendo le pecore, rotolandosi nell'erba, impastando il pane.
La prima struttura del genere è stata inaugurata a Pievebovigliana, in provincia di Macerata, dall'azienda agrituristica biologica "Sapori di Campagna" di Barbara e Maccario Aureli, nel corso di un'iniziativa promossa da Coldiretti e Regione Marche.
"Si tratta di una concreta dimostrazione della grande modernità dell'attività agricola nella società contemporanea - ha spiegato Giannalberto Luzi, presidente di Coldiretti Marche, presente assieme a Francesco Fucili, della federazione provinciale - con le nostre imprese che si sono impegnate a farla conoscere anche con l'offerta di servizi innovativi resi possibili dalle nuove leggi sulla multifunzionalità".
Secondo elaborazioni Coldiretti su dati Istat, solo un comune su due nella nostra regione può garantire alle famiglie il servizio del nido, ma la percentuale si abbassa nel caso delle aree interne. Nell'area di Camerino ci sono appena tre asili nido ma la media di nascite nella zona è di circa 110 bambini all'anno. Da qui l'idea di lanciare l'esperienza degli agrinido, strutture di accoglienza realizzate in campagna per piccoli da uno a tre anni di età, che hanno il pregio di superare il problema dell'assenza di servizi per le famiglie.
Si tratterà, ha spiegato Barbara Aureli, educatrice e titolare dell'agrinido, dell'esperienza, di una piccola classe, dove verranno garantite tutte le abituali cure quotidiane (pranzo a base di prodotti di stagione, sonno, cambio) ma con più tempo all'aria aperta a contatto con la natura.
Le attività vanno dall'accarezzare gli animali per riconoscerli una volta bendati, impastare pane, pasta e dolci, dipingere con mani e piedi, rotolarsi nell'erba o nella paglia, pestare l'uva per la vendemmia, imparare a riconoscere la frutta e le erbe aromatiche dall'odore, creare strumenti musicali con rami e foglie. Il tutto seguendo i principi educativi del metodo Montessori.
Secondo un'indagine Coldiretti/Swg, più di tre genitori su quattro (78 per cento), sognano di far crescere i propri figli in un agriasilo, un ambiente semplice, familiare e naturale dove giocare all'aria aperta con piante e animali e gustare merende e colazioni genuine.
Il progetto è stato promosso nell'ambito del bando sull'agricoltura sociale promosso dalla Regione Marche, per la quale era presente il vicepresidente Paolo Petrini.

 
 
Picenamb_luglio_196x196
Banner
Bar_Amico_pranzo_e_bar
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
Autoadria_x_sito
Banner
RoMaCar_X_SITO_196x196px
Banner
La_Torretta_x_sito_quadrato
Banner
RFN_x_sito
Banner
Banner_dott.ssa_Assenti
Banner
OWW_x_sito
Banner
Alessi_on_line
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Padre S. Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI