Lavori di pubblica utilità per chi guida in stato di ebbrezza

comune_apASCOLI 29.2.2012 - Lo prevede una convenzione che verrà siglata nei prossimi giorni  dal Tribunale e il Comune di Ascoli

Lavori di pubblica utilità in sostituzione della pena detentiva e pecuniaria prevista per il reato di guida in stato di ebbrezza. La possibilità è fornita da una convenzione approvata dall’amministrazione comunale e che nei prossimi giorni verrà firmata dal sindaco Guido Castelli e dal Presidente del Tribunale di Ascoli.
“L’art. 54 del D.L.vo 28/8/2000 n.274 – sottolinea il sindaco Castelli – prevede che il giudice possa applicare, su richiesta dell’imputato, la pena del lavoro di pubblica utilità che consiste nella prestazione di attività non retribuita in favore della collettività con l’obiettivo di rieducare il condannato e di ripristinare il valore educativo della pena. Con questa convenzione ribadiamo il concetto di Comune come ente a supporto del territorio e della collettività e, in maniera concreta, diamo una ulteriore prova di sensibilità”.

La convenzione che avrà la durata di due anni, interesserà quattro condannati alla pena alternativa del lavoro di pubblica utilità e che spazia da prestazioni di lavoro a favore di organizzazioni di assistenza sociale o volontariato che operino, in particolare, nei confronti di tossicodipendenti,portatori di handicap,malati, anziani o minori, per finalità di protezione civile, tutela del patrimonio ambientale e culturale (compresa la collaborazione ad opere di prevenzione incendi,di salvaguardia del patrimonio boschivo e forestale e di custodia di musei,gallerie o pinacoteche. Ed ancora in opere di tutela della flora e della fauna e di prevenzione del randagismo degli animali oppure nella manutenzione e nel decoro di beni del patrimonio pubblico come giardini e parchi o pertinenti la specifica professionalità del condannato.

Già lo scorso mese di novembre il Comune aveva promosso una Giornata Ecologica con tre detenuti del carcere di Marino del Tronto impegnati, per un giorno, come operatori ecologici. “Un’iniziativa – ricorda il primo cittadino ascolano – che fu molto apprezzata dagli ascolani perché basata su due principi fondamentali: primo, nelle carceri vi sono risorse umane che dobbiamo riconoscere e attivare nel modo giusto e secondo, l’autentico recupero delle persone che hanno sbagliato si può attuare solo all’interno della società e non tramite l’isolamento”.

Roberto Roberti - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
 
COP_gen_20_x_sito
TIGRE_dinamico_196x196
Picenamb_luglio_196x196
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
Autoadria_x_sito
Banner
RoMaCar_X_SITO_196x196px
Banner
La_Torretta_x_sito_quadrato
Banner
RFN_x_sito
Banner
Banner_dott.ssa_Assenti
Banner
OWW_x_sito
Banner
Alessi_on_line
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Padre S. Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI