Loc_17-18_x_sito

 

 

linchiesta

soldi_x_Inch._ok

Comune che vai,

fisco che trovi

A stare peggio gli artigiani di Pesaro

e di Falconara, che nel 2017

dovranno pagare il 62,5% di tasse.

Mentre le imprese di Jesi e Fabriano

riceveranno imposte per il 57,9%

del reddito. Rispetto al 2016

l'incremento medio è stato

dello 0,2%, mentre i tributi locali

sono rimasti uguali

inserti_spec

Cuccarini_x_Ins._Spec

 

CULTURA E SPETTACOLI
Eventi, concerti, party, discoteche, teatro, mostre e fiere

 

Vaccino_x_Ins._Spec

 

SALUTE MARCHE
Notizie sanitarie e consigli dei medici

 

Pallone_x_Ins._Spec

SPORTLANDIA
Notizie sullo sport marchigiano


gemelli_ruscello_grotteang_ridotta.jpg

 

AMBIENTE MARCHE
Parchi, comunità, comuni, province, regione: notizie “verdi” e ”nere”

 


Lavoro_x_Ins._Spec

 

SPECIALE LAVORO
Notizie, occasioni e nuove opportunità

 


Universit_x_Ins._Spec

SCUOLA e UNIVERSITA’
Notizie, aggiornamenti e opportunità

 


“Un gol per ripartire”, formalizzata la donazione dell’Inter F.C. per il nuovo impianto sportivo
Zanetti_con_sindaco_Tolentino
TOLENTINO 5.10.2017 - A seguito degli eventi sismici iniziati il 24 agosto 2016 ci sono state molteplici iniziative di solidarietà a favore delle popolazioni duramente colpite dal terremoto.

Tra esse la campagna di solidarietà denominata "Un gol per ripartire", un progetto realizzato dalla compartecipazione della Football Club Internazionale Milano, di Suning Sports (azionista di maggioranza dell'Inter F.C.) e del Centro Sportivo Italiano che ha avuto come obiettivo non solo la gestione di una serie di iniziative itineranti nei territori colpiti dal terremoto, ma anche quella di contribuire in modo forte alla rinascita sociale e sportiva del territorio tolentinate.

In particolare, in occasione di tale campagna di solidarietà svoltasi nella primavera dell'anno in corso, è stata proposta al Comune di Tolentino la possibilità di realizzare un nuovo impianto sportivo in V.le Vittorio Veneto, ovvero in una delle zone più colpite dal terremoto dove attualmente è presente un campetto di calcio a sette, in erba, semiabbandonato e privo di servizi.

Proprio per tale scopo la Suning Sports ha donato € 200.000,00 al CSI, somma da destinare alla realizzazione di opere necessarie alla struttura polivalente.

Il CSI - Centro Sportivo Italiano - ha formalizzato la volontà di voler donare strutture sportive prefabbricate, le necessarie opere per il loro montaggio e il materiale di impiantistica sportiva al fine di addivenire alla costruzione di una nuova palestra in Viale Vittorio Veneto di Tolentino, subordinatamente all'impegno del Comune di avviare le procedure necessarie e sufficienti per la tempestiva realizzazione dell'impianto sportivo. Nel frattempo la Regione Marche ha approvato il bando per l'assegnazione di contributi regionali a fondo perduto in conto capitale per l'attuazione di interventi di riqualificazione degli impianti sportivi di proprietà pubblica già esistenti sul territorio regionale i quali sono concessi in misura non superiore al 50% della spesa ritenuta ammissibile e comunque entro il limite massimo di € 75.000,00 e a tal proposito l’Amministrazione comunale, dopo aver preso atto della donazione modale proposta dal Centro Sportivo Italiano, ratificata anche dal Consiglio comunale, ha disposto di partecipare al Bando per l'assegnazione di contributi regionali a fondo perduto e di finanziare la spesa presunta di € 200.000,00 per la realizzazione della nuova palestra in V.le Vittorio Veneto.

Inoltre, con lo scopo di avviare i lavori, la Giunta municipale ha deliberato di approvare il progetto definitivo dei lavori di realizzazione della nuova palestra in viale Vittorio Veneto predisposto dai tecnici incaricati Ruffini, Domizi e Palpacelli  per un importo complessivo di 400 mila euro di cui circa 150 mila euro per le opere strutturali e circa 200 mila euro per la struttura di copertura e i servizi spogliatoi e servizi. I lavori saranno finanziati per 200 mila euro con i fondi stanziati dall’Inter mediante CSI, 75 mila euro con i contributi a fondo perduto in richiesta e 125 mila euro con i proventi della vendita dei campi da tennis.

Va ricordato che la scelta di costruire la struttura polivalente a Tolentino e apparsa subito strategica per il fatto che, pur risultando fortemente danneggiata del sisma, e presente ancora una quantità di popolazione rilevante cosi da costituire un considerevole bacino di utenza per il nuovo impianto. Inoltre, la vicinanza con l’asta viaria della superstrada statale 77 e la posizione baricentrica consentono anche agli abitanti delle zone montane, colpite fortemente dagli eventi sismici e che attualmente risiedono in parte nella costa, di raggiungere l’impianto con massima facilita. Infatti, uno degli obiettivi da raggiungere della Suning Sports e quello di offrire alle popolazioni un impianto che possa sostituire quelli danneggiati nei territori montani. Inoltre, nel mettere a disposizione il finanziamento, lo sponsor ha richiesto che la struttura da realizzare possa essere resa fruibile sia per le strutture scolastiche sia per i soggetti più deboli, quali anziani e disabili.

Proprio per la realizzazione di questo progetto la Suning Sports ha messo a disposizione del C.S.I. nazionale una somma da destinare all’acquisto e montaggio della copertura di un nuovo campo di gioco, dei relativi spogliatoi e degli impianti tecnologici, da donare al Comune di Tolentino che invece, curerà, con onere a proprio carico, le opere di fondazione, gli impianti idrici e fognari, la pavimentazione del campo di gioco e la sistemazione delle aree esterne. La struttura polivalente di progetto si inquadra come impianto sportivo in cui si possono svolgere, oltre ad attività sportive con finalità sociali, anche gare agonistiche di carattere locale relative agli sport della pallavolo, pallacanestro e calcio a cinque. Considerata come opera di urbanizzazione secondaria, oltre a produrre servizi di interesse collettivo, al fine di migliorare la qualità della vita dei suoi abitanti, la struttura sarà predisposta a contenere un punto di prima accoglienza nella gestione dell'emergenza terremoto o di altre calamita naturali. Infatti la struttura sportiva avrà una classe d’uso quali “costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti, anche con riferimento alla gestione della protezione civile in caso di calamità”.

Nel territorio di Tolentino esistono diversi impianti sportivi tutti utilizzati a pieno regime ma va segnalata l’assenza di strutture in cui praticare il calcio a 5 al chiuso e la carenza di quelle per la pallavolo e la pallacanestro. Occorre aggiungere poi che già prima degli eventi sismici del 2016 l'offerta di impianti risultava insufficiente ad accogliere la domanda. Ciò in ragione dell'aumento e diversificazione della domanda (numero dei corsi, fasce d'età, ecc.), del fatto che i medesimi impianti vengono utilizzati dagli Istituti scolastici, a loro volta, e da anni, carenti di palestre e impianti. La situazione e peggiorata con il terremoto, che ha reso inagibile una struttura strategica come la Palestra annessa allo Stadio della Vittoria.

Infatti oltre il 15% dei praticanti non possono essere accolti nelle strutture presenti nel Comune di Tolentino ed allo stesso tempo si registra costantemente da parte delle Associazioni il segnale che un ulteriore potenziamento delle attività, che pure sarebbe possibile, non è praticabile proprio per l'assenza di spazi adeguati. Il riferimento e alle pratiche quali Pallacanestro, Pallavolo e calcio a 5, oltre che alle attività di Ginnastica amatoriale, per anziani, ginnastica dolce, ecc. In particolare la pallavolo e la pallacanestro sono attività concentrate nell’unica struttura polivalente del comune di Tolentino (“Palazzetto dello Sport”) e nelle palestre delle scuole Lucatelli e Don Bosco. Questa forte promiscuità di utilizzo, anche e soprattutto con le attività didattiche proprie delle scuole primarie e secondarie, fa si che le associazioni locali siano costrette su spazi limitati e su turnazioni incapaci di offrire il giusto spazio alle molteplici richieste degli iscritti.

Occorre sottolineare poi l’assenza di strutture dedicate per la pratica delle attività da parte di categorie più deboli come gli anziani e i disabili. Il problema interessa non soltanto la Città di Tolentino, ma anche i diversi Comuni del circondario Serrapetrona, Belforte del Chienti, Caldarola, Cessapalombo, San Ginesio, Camporotondo di Fiastrone, Pollenza, San Severino Marche, per una popolazione complessiva di circa 30.000 Persone per i quali Tolentino e storicamente un punto di riferimento. 

I dati raccolti dimostrano che oltre il 15% dei praticanti non possono essere accolti nelle strutture presenti nel Comune di Tolentino. Si registra inoltre costantemente, da parte delle Associazioni, il segnale che un ulteriore potenziamento delle attività, che pure sarebbe possibile, non e praticabile proprio per l'assenza di spazi adeguati. E’ importante sottolineare che l’impianto sportivo oggetto della richiesta di finanziamento rappresenta una risposta concreta all’assenza di strutture dedicate per la pratica delle attività da parte di categorie più deboli come gli anziani e i disabili.

La nuova palestra di Viale Vittorio Veneto rappresenta una struttura che può essere utilizzata come elemento di supporto nella fase di ricostruzione post-sisma che il Comune di Tolentino sta affrontando, in quanto risulta evidente la mancanza di spazi per varie attività dovuta all’inagibilità di diversi edifici. Gli alunni, durante l’esecuzione dei lavori di adeguamento sismico delle scuole post-sisma, potranno essere ospitati in una struttura “strategica” come la nuova palestra visto che viene progettata in classe d’uso (costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti, anche con riferimento alla gestione della protezione civile in caso di calamita).

Il progetto di riconversione del campo esistente nasce dalla necessità di rendere accessibile lastruttura operando con interventi volti all’abbattimento delle barriere architettoniche. Attualmente, infatti, l’ingresso all’area non risulta agevole e non sono presenti ne locali spogliatoio ne servizi igienici adeguati alle esigenze dei soggetti disabili. Tutto l’impianto sportivo di progetto si sviluppa su un unico livello e risulta privo di barriere architettoniche in modo tale da essere fruito liberamente da tutti gli utenti. La struttura attualmente destinata a spogliatoi e servizi del campo da gioco, oltre ad essere sottodimensionata, non risponde ai requisiti richiesti dalla normativa in termini di sicurezza degli impianti. Il progetto di riconversione del campo prevede la realizzazione di nuova struttura prefabbricata da adibire a locale spogliatoio e di servizio. Il progetto andrà ad aumentare la fruibilità dell’area in quanto si andrà a realizzare una struttura coperta, utilizzabile durante tutto il corso dell’anno, e un blocco contenente servizi igienici, ufficio, infermeria, locale tecnico, due spogliatoi per atleti con servizi e due spogliatoi per arbitri con servizi. Particolare attenzione verrà posta nelle opere di contenimento dei consumi energetici.L’intervento prevede la realizzazione di una struttura principale, una palestra polifunzionale in legno lamellare e copertura con telo in pvc, con un’altezza di circa 11,00ml, al cui interno si possono svolgere le seguenti attività: calcio a cinque con campo di dimensioni 18,00ml x 34,00 ml, fascia di sicurezza di 2,00ml; pallacanestro con campo di dimensioni 15,00ml x 28,00ml, fascia di sicurezza 2,00ml; pallavolo con campo di dimensioni 18,00ml x 9,00ml, fascia di sicurezza 3,00ml. Saranno previste tutte le attrezzature necessarie per lo svolgimento delle sopra elencate attivitàsportive.

All’interno sarà ricavato uno spazio spettatori con eventuali tribune, opportunamente separate dal campo di gioco attraverso una balaustra metallica di protezione.

Come da normativa, la struttura sarà finita in modo adeguato con la stesura su tutta la superficie del campo di gioco di una pavimentazione sportiva indoor. La struttura è composta da 8 archi in legno lamellare.  Adiacente alla struttura principale, lungo il prospetto nord-est e separata da un corridoio-filtro protetto da balaustra metallica, sarà costruita un’area destinata a servizi.

All’interno si trovano i seguenti spazi: un blocco servizi (anti bagno, bagno) fruibili da parte di utenti diversamente abili; un blocco ufficio e locale tecnico; un blocco infermeria con servizio igienico (anti bagno, bagno) fruibili da parte di utenti diversamente abili; area con distributore automatico cibo e bevande; due blocchi spogliatoi per atleti, composti da un ambiente per armadietti e panche e servizi igienici (anti bagno, bagno, docce) fruibili da parte di utenti diversamente abili; due blocchi spogliatoi arbitri con servizi igienici fruibili da parte di utenti diversamente abili.

Il progetto prevedere anche interventi di sistemazione degli spazi esterni e manutenzione del verde esistente, al fine di integrare il nuovo complesso al tessuto del contesto urbano circostante. In particolare, saranno realizzati una parte asfaltata per la zona parcheggi ed un massetto di cemento per i marciapiedi di accesso. Il restante spazio sarà lasciato a verde con presenza di adeguate siepi.

 

Giorgia Galanti  - www.laprovinciamarche.it

Email:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Facebook: La Provincia Marche

Direttore responsabile:                            
Silvestro Pompei -
  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  


 
 
Banner
TIGRE_dinamico_196x196
Banner
Alessi_on_line
Banner
Bacchetta_estate_17
Banner
Peccato_x_sito
Banner
Cantine_di_Castignano_x_sito
Banner
Costantini_x_sito
Banner
Centro_Prisma_x_sito
Banner
Dott._Caciulina_verticale_
Banner
Caspy_e_Cialdy_x_sito
Banner
De_Blasio_x_sito
Banner
RFN_x_sito
Banner
Banner_loc._compleanni
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Lombardia, 9 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Lombardia, 9 - San Benedetto Tr. - Tel. 0735.81809 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI