Poliziotti si fingono mendicanti per contrastare l’accattonaggio molesto
Polizia_MC_arresta_extracomunitari

MACERATA 28.11.2018 - I fenomeni di accattonaggio e di molestia alle persone sono sempre più frequenti nelle città italiane. Nella città di Macerata il fenomeno è attentamente monitorato ed è stato quasi completamente debellato, ad eccezione di pochi casi riguardanti alcuni cittadini nigeriani che si ostinano a proseguire nell’attività di elemosina spostandosi da un luogo all’altro, al fine di evitare i controlli.

In particolare, i soggetti di nazionalità straniera, prendono di mira i luoghi di culto, le piazze e i bar al fine di chiedere denaro, spesso limitando il libero utilizzo degli spazi pubblici comuni. Questi individui arrivano, alle volte, anche a limitare la libertà dei cittadini attraverso un’insistenza petulante che può sconfinare nella minaccia e nella violenza vera e propria.

I poliziotti continuano ad effettuare serrati controlli per eliminare completamente il fenomeno e indagare sulla sua reale natura. In particolare, in data di ieri, dopo aver effettuato un’attività di osservazione attraverso lunghi appostamenti, alcuni poliziotti hanno finto di essere mendicanti posizionandosi davanti alle chiese ed ai supermercati al fine di verificare il comportamento di questi stranieri, anche per scoprire i loro movimenti.

In effetti alcuni degli stranieri presenti, quasi marcassero il territorio presidiato, hanno mostrato segni di insofferenza al semplice avvertimento della presenza di altre persone che potessero operare quali “competitors”.

I poliziotti, quindi, hanno constatato che questi soggetti stranieri possedevano telefoni cellulari costosi e orologi di marca al polso, oggetti quindi il cui valore appare sproporzionato rispetto alle loro concrete possibilità economiche ed inoltre che si conoscevano tutti molto bene ed ognuno di loro conosceva la posizione dell’altro.

Alcuni di loro, in assenza di documenti di riconoscimento e titoli di soggiorno al seguito, sono stati controllati in modo più approfondito ed è stato così possibile accertare che qualcuno presentava anche precedenti per violenza e resistenza al pubblico ufficiale. La Polizia sta ora analizzando le differenti posizioni dei soggetti al fine di scoprire se tali comportamenti rispondano ad un vero e proprio racket dell’elemosina di tipo organizzato dove ogni straniero avrebbe la propria zona di riferimento, rispondendo a soggetti che si porrebbero a capo di un sodalizio criminoso.

Certamente dimostrare questa connessione non è cosa facile ma i continui controlli stanno disvelando che queste persone agiscono puntualmente in zone ben determinate della città.

Infatti, alla luce di tali accertamenti, emerge anche che spesso i mendicanti avvertono i loro complici sia in merito alle richieste di elemosina, come a volere riferire del “bottino” guadagnato sia in ordine alle zone “più produttive”, come ad esempio le Chiese nelle giornate festive come la domenica in cui c’è molta affluenza di persone o i supermercati durante i periodi in cui ci sono delle promozioni e maggiore afflusso di clientela, quindi maggiori guadagni per loro.

 

Giorgia Galanti - www.laprovinciamarche.it

Email:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Facebook: La Provincia Marche

Direttore responsabile:                                                
Silvestro Pompei -
  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

 

 
 
Cop_nov18
TIGRE_dinamico_196x196
Banner
Picenamb_luglio_196x196
Banner
Rist_Xin_x_sito_giu18_ok
Banner
Oleificio_Silvestri_x_sito
Banner
Della_Ciana_x_sito_2018
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
Banner
Cantine_di_Castignano_x_sito
Banner
Banner_loc._compleanni
Banner
RFN_x_sito
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Lombardia, 9 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI