AnconAmbiente: fusto in pet non depressurizzato smaltito in maniera non conforme si trasforma in “bomba”
Fusto_pet_esploso_AnconAmbiente
ANCONA 16.1.2019 - Esplode involucro in Pet nel compattatore di AnconAmbiente, la parte superiore del manufatto vola sino al soffitto e sfonda le reti anti volatili del sito, fortunatamente nessun danno fisico per gli operatori presenti in loco

L’appello di AnconAmbiente: gli esercenti di bar e ristoranti facciano la massima attenzione al momento del conferimento a rifiuto dell’oggetto depressurizzandolo così come indicato in etichetta

Ancona 15 gennaio 2019 - Utili, ma soprattutto ecocompatibili, sono i fusti in PET (PoliEtilenTereftalato, una particolare materia plastica della famiglia dei poliesteri derivante dal petrolio greggio molto utilizzata nel campo alimentare) oggi in uso in tantissimi bar e ristoranti nei quali si conserva e si spina birra, vino, sidro, soft-drink, ecc. Il vantaggio più grande è che sono prodotti usa e getta e che il PET è totalmente riciclabile.

E fin qui va tutto bene, ma al momento del conferimento a rifiuto è necessario seguire bene le istruzioni (indicate in maniera molto chiara in etichetta) e depressurizzare il contenitore e, solamente dopo, inserirlo nell’apposito cassonetto così che gli operatori di AnconAmbiente lo possano portare a riciclo. Se questa procedura non è eseguita in maniera corretta la CO2 contenuta nel fusto, lo trasforma in una vera e propria “bomba”.

Questo, purtroppo, è quanto accaduto alcuni giorni addietro proprio ad Ancona quando alcuni operatori di AnconAmbiente hanno raccolto uno di questi oggetti, conferito nel giusto cassonetto, ma non depressurizzato.

Una volta inserito nel compattatore, infatti, l’involucro è esploso, le schegge sono volate a oltre 8 metri di distanza e una parte del fusto è salito sino al soffitto dell’impianto sfondando le reti in ferro anti volatili.

Il risultato di una leggerezza da parte dell’utenza di questo genere poteva essere disastroso e solo il caso ha voluto che nessuno degli addetti abbia conseguito danni fisici, potenzialmente letali.

L’appello che AnconAmbiente lancia è quindi quello di porgere la massima attenzione da parte degli esercenti di bar e ristoranti e dei loro dipendenti all’atto di conferimento di questi particolari oggetti al fine di non creare condizioni di grave pericolo per gli operatori dell’azienda.

 

 

Silvio Silvestri - www.laprovinciamarche.it

REDAZIONE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (Silvestro Pompei) 

FACEBOOK: La Provincia Marche

 

 
 
Cop_Mi_manda_Picone
TIGRE_dinamico_196x196
Banner
Picenamb_luglio_196x196
Banner
Rist_Xin_x_sito_giu18_ok
Banner
Oleificio_Silvestri_x_sito
Banner
Della_Ciana_x_sito_2018
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
Banner
Cantine_di_Castignano_x_sito
Banner
Banner_loc._compleanni
Banner
RFN_x_sito
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Lombardia, 9 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI