In scena “Nuvole”, lo spettacolo che ricorda il mito e il coraggio del grande ciclista Gino Bartali
gino-bartali

ARCEVIA 2.5.2019 - Vincitore di tre Giri d’Italia (nel 1936, 1937 e 1946) e due Tour de France (nel 1938 e 1948), Gino Bartali non fu solo un grande campione di ciclismo ma anche di umanità. Dopo l'occupazione tedesca in Italia nel settembre 1943, Bartali fu un corriere della Resistenza che riuscì a salvare dalla deportazione nei lager almeno 800 ebrei e rifugiati politici, pedalando nel tratto Firenze-Assisi e nascondendo nella bicicletta documenti falsi. «Il bene si fa ma non si dice», disse Bartali al figlio Andrea quando gli raccontò del suo impegno, facendosi promettere che non ne avrebbe mai parlato a nessuno. Così la storia emerse solo dopo la sua morte; nel 2005 fu insignito della medaglia d’oro al merito civile e nel 2013 fu riconosciuto come Giusto tra le Nazioni dallo Yad Vashem, il Mausoleo di Gerusalemme.

Per ricordare questa pagina straordinaria di storia, sabato 4 maggio alle ore 21,15 al Teatro Misa di Arcevia va in scena “Nuvole. Da Firenze ad Assisi con la libertà nascosta nella bicicletta di Gino Bartali”, uno spettacolo di Paolo Mirti, con Stefano Venarucci, musiche di Giuseppe Brabaro, regia di Stefano Venarucci. La rappresentazione, fuori abbonamento ed organizzato in collaborazione con la Anpi Sezione di Arcevia, chiude la terza stagione del Teatro Misa promossa dal Comune e ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata con AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali e il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Regione Marche.

Lo spettacolo “Nuvole” prende il nome da un paesino a due passi da Città Di Castello. È là che nel 1943 un bambino di otto anni vide sbucare da dietro una curva il grande campione Gino Bartali. Da quel momento la sua vita non fu più la stessa. Bartali era il corriere segreto dell’organizzazione clandestina che aiutava gli ebrei in Umbria e Toscana, e nel suo percorso d’allenamento tra Firenze ed Assisi nascondeva nel sellino della bici documenti e foto, destinati ad essere stampati in una tipografia clandestina. Quando veniva fermato e perquisito, chiedeva che la bicicletta non venisse toccata, giustificandosi dicendo che le diverse parti del mezzo erano state attentamente calibrate per ottenere la massima velocità.

 

 

 

Silvio Silvestri - www.laprovinciamarche.it

REDAZIONE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (Silvestro Pompei) 

FACEBOOK: La Provincia Marche

 

 
 
Cop_7-19_x_sito
TIGRE_dinamico_196x196
La_torretta_x_sito_imp
Banner
Le_Sirenette_x_sito_imp
Banner
Picenamb_luglio_196x196
Banner
Oleificio_Silvestri_x_sito
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
OWW_x_sito
Banner
Banner_dott.ssa_Assenti
Banner
RFN_x_sito
Banner
Banner
Alessi_on_line
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Lombardia, 9 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI