Adriatico Mediterraneo 2020: 20 anni della Dichiarazione di Ancona. Quattro giorni di spettacoli, concerti e incontri
Ceriscioli_inaugrazione_Adriatico_Mediterraneo_20

ANCONA 27.7.2020 - Dichiarazione di Ancona e Adriatico Mediterraneo Festival: un binomio all’insegna del dialogo tra le culture. Quattro giorni di spettacoli e incontri per scoprire tutti gli approdi delle culture e della storia mediterranea. Ospiti tra gli altri Tosca, Giordano Bruno Guerri, Pino Petruzzelli, Francesca Mannocchi, Branko Galoic

Il dialogo tra le culture come stella polare per viaggiare nel presente e guardare al futuro. È il filo che unisce l’esperienza di Adriatico Mediterraneo Festival e la storia della Dichiarazione di Ancona, che nel 2020 “compie” i suoi primi venti anni. Per questo Adriatico Mediterraneo Festival 2020 è all’insegna proprio della Dichiarazione, fondamento per la nascita dell’Iniziativa Adriatico Ionica e poi della Macroregione. Per quattro intensi giorni, dal 26 al 29 agosto, ad Ancona i ritmi delle musiche mediterranee, i suoni e i profumi delle culture del mare si intrecciano ai temi centrali per la politica dell’Europa che guarda a sud: dai diritti umani troppo spesso violati al ruolo dei Balcani e dello spazio adriatico ionico.

In un anno speciale come il 2020 che la Regione aveva programmato come scrigno di occasioni - ha ricordato il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli nel corso della presentazione - con  il cinquecentenario di Raffaello, il Giubileo Lauretano, l’anno delle Marche destinazione top per Lonely Planet, i 50 anni dell’Istituzione Regione, si inserisce a buon diritto questo ventennale di una data storica per le Marche, la Carta di Ancona e il Festival Adriatico Mediteranneo che ne ha saputo da subito riassumere le finalità.  Ma il Festival in questo anno particolare ci dà anche il segno di una voglia ostinata di ripartenza di fronte alle difficoltà e simboleggia proprio quei valori di resistenza nel solco del dialogo reciproco, del confronto tra i popoli, della cooperazione e della solidarietà che all’indomani di una guerra fratricida avevano ispirato la Dichiarazione. E lo fa rinnovandosi ad ogni edizione, attraverso la cultura, la musica e il sociale. Mi piace sottolineare a tale proposito il premio assegnato a chi è stato in prima linea durante l’emergenza sanitaria, in questa guerra combattuta contro il virus perché oltre all’attività in pronto soccorso parliamo di figure che hanno dato la propria disponibilità anche in scenari internazionali. Una bella occasione per riflettere e per sentirsi partecipi. La Regione è vicina a questa manifestazione, ha dato il suo contributo in termini economici e di struttura della Cultura che ha una capacità di interfacciarsi molto efficace con gli eventi più importanti della nostro territorio. L’invito è a godere di questa occasione di sentire questi vent’anni come una tappa importante di un documento che ha segnato con grande forza il ruolo della nostra regione nel contesto Adriatico.”

Adriatico Mediterraneo da sempre ha sguardo e orecchie tese verso l’altra sponda dell’Adriatico e quindi è stato naturale viaggiare insieme alla Macroregione” dice Giovanni Seneca, direttore di Adriatico Mediterraneo Festiva: “Quest’anno poi più che in passato il legame è ancora più stretto, dato che proprio 20 anni fa veniva sottoscritta la Dichiarazione di Ancona. Ci è sembrato quindi naturale dialogare con lo IAI, con la Regione e con il Comune per raccontare nei giorni del festival come l’area in cui viviamo stia cambiando. E lo faremo con i mezzi che sono i nostri: la musica di grandi artisti e personaggi - da Tosca a Pino Petruzzelli a Giordano Bruno Guerri a Branko Galoic - e gli incontri con intellettuali e attivisti di primo piano. Lo faremo ovviamente in un momento particolare e difficile per tutti, in maniera diversa dal passato ma, come sempre, sperimentando e cercando nuove soluzioni”.

Il Premio Adriatico Mediterraneo 2020 sarà consegnato Roberto Maccaroni in rappresentanza di tutto il personale sanitario dell’Ospedale Regionale di Torrette, per il suo straordinario impegno nel corso dell’emergenza da Covid-19. Roberto Maccaroni, infermiere, ha partecipato con Emergency a missioni in Sierra Leone, Libia, Repubblica Centrafricana e Afghanistan e collabora con la ong per diffondere una cultura di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani attraverso incontri nelle scuole e conferenze.

Quattro spettacoli alla corte della Mole all’insegna della qualità e del talento degli artisti sul palco: sono le prime serate di Adriatico Mediterraneo 2020 nel cuore del lazzaretto.

I concerti all’alba alla scalinata del Passetto di Ancona tornano e crescono. Non più tre appuntamenti come negli anni passati, ma quattro concerti alle 6 del mattino per iniziare la giornata vedendo sorgere il sole in uno dei posti più belli di tutta la costa adriatica.

Tre cicli di incontri per esplorare i temi caldi del Mediterraneo: sono gli appuntamenti di Adriatico Mediterraneo 2020 per approfondire cosa si muove sulle sponde dell’area mediterranea.

Gli incontri di Adriatico Mediterraneo 2020 non si fermano qui, ma esplorano diversi altri temi che si intrecciano tra le sponde del mare e le terre che vi si affacciano.

Adriatico Mediterraneo 2020 sarà un festival diverso da tutte le edizioni precedenti, in un momento particolare e non facile per tutti. Per garantire ai partecipanti un’esperienza piena e sicura tutti gli eventi avranno una capienza di pubblico ridotta. Per gli spettacoli alla Corte della Mole sarà possibile acquistare in prevendita fino a 164 posti a sedere numerati, mentre la sera stessa dello spettacolo, se le condizioni lo permetteranno, saranno messi in vendita direttamente alla biglietteria della Mole tutti i posti disponibili fino alla massima capienza consentita. Per i concerti all’alba al Passetto di Ancona e per tutti gli incontri in programma i posti sono limitati e sarà quindi necessaria la prenotazione dal sito www.adriaticomediterraneo.eu. Adriatico Mediterraneo chiede a tutti la massima collaborazione e rispetto delle norme in vigore.   (Silvio Silvestri – www.laprovinciamarche.it)

 

REDAZIONE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Per gli altri articoli di oggi su Laprovinciamarche.it clicca qui:

http://www.laprovinciamarche.it/index.php

 

 
 
Picenamb_luglio_196x196
Banner
Bar_Amico_pranzo_e_bar
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
Autoadria_x_sito
Banner
RoMaCar_X_SITO_196x196px
Banner
La_Torretta_x_sito_quadrato
Banner
RFN_x_sito
Banner
Banner_dott.ssa_Assenti
Banner
OWW_x_sito
Banner
Alessi_on_line
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Padre S. Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI