Erano titolari di ditte individuali o proprietari di immobili ma incassavano il reddito di cittadinanza, beccati dalla Guardia di finanza
GdF_FM_auto_esce_da_caserma

FERMO 4.11.2020 - Proseguono le attività dei finanzieri del Comando Provinciale di Fermo nel settore della spesa pubblica. In particolare, le investigazioni degli ultimi mesi hanno portato ad accertare la mancanza dei requisiti dichiarati da alcuni cittadini nella compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica presentata all’I.N.P.S. per beneficiare del reddito di cittadinanza.

Infatti, come previsto dal Decreto Legge n. 4 del 28 gennaio 2019, attraverso le autocertificazioni gli aventi diritto presentano la domanda all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, il quale, accertate le oggettive difficoltà economiche e tutte le altre condizioni previste dalla norma, concede l’accesso al beneficio.

Dopo aver vagliato numerose posizioni, le indagini condotte dalle Fiamme Gialle fermane hanno permesso di appurare l’assenza di parte dei requisiti dichiarati e l’inattendibilità delle motivazioni addotte a sostegno delle richieste avanzate da 5 beneficiari.

Molteplici, infatti, sono state le discordanze riscontrate al termine delle investigazioni, che hanno fatto emergere incongruenze tra la situazione economica e patrimoniale auto-dichiarata e quella effettiva. Più in particolare, i percettori hanno omesso di comunicare notizie rilevanti (quali la produzione di redditi da lavoro, il possesso di veicoli e di immobili di valore), manifestando così uno stato di indigenza economica di fatto non veritiero o solo parzialmente rispondente alla realtà.

I controlli hanno evidenziato le omissioni e le falsità più disparate, dalla mancata indicazione di cospicui ricavi e redditi realizzati da parte dei titolari di talune ditte individuali operanti nel settore edile, all’assenza del requisito di residenza in Italia nei 10 anni antecedenti alla richiesta, sino a situazioni ben più plateali: i militari della Guardia di Finanza, infatti, hanno appurato che un beneficiario, in particolare, ha omesso di dichiarare il possesso, a vario titolo, di ben 5 beni immobili beneficiando indebitamente del sussidio per tutto l’anno 2019 e per parte di quello in corso.

Al termine delle attività, i finanzieri del Gruppo di Fermo hanno segnalato alla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale di Fermo 5 soggetti per falsa attestazione in atto pubblico e per omissione di informazioni dovute e contestualmente comunicato alla Direzione Provinciale dell’I.N.P.S. gli esiti del servizio, per procedere alla successiva revoca del beneficio ed al recupero delle somme illecitamente percepite, ammontanti ad un totale, sino ad oggi, di circa 30.000 €.

L’azione della Guardia di Finanza nel comparto della spesa pubblica mira a scoprire e perseguire tutte quelle condotte illegali di sprechi, malversazioni e indebito accesso a prestazioni assistenziali che generano iniquità e minano la coesione sociale, pregiudicando la corretta destinazione delle risorse dello Stato. Un impiego avveduto dei fondi pubblici, che avvenga all’interno dei binari della legalità, costituisce un imprescindibile caposaldo della piena ed efficace ripresa del tessuto economico nazionale in un momento così difficile per l’intero Paese, fortemente segnato dalla recrudescenza della situazione epidemiologica.

(Enrico Medici - www.laprovinciamarche.it)

 

REDAZIONE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Per gli altri articoli di oggi su Laprovinciamarche.it clicca qui:

http://www.laprovinciamarche.it/index.php 

 

 
 
scuola_calcio_sportl_2020_x_sito
Banner
Picenamb_luglio_196x196
Banner
Magicar_x_sito_ott20
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
Banner_dott.ssa_Assenti
Banner
RFN_x_sito
Banner
La_Torretta_x_sito_quadrato
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Padre S. Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI