SALUTE MARCHE


Per l'estate potenziato il servizio dialisi del San Salvatore Stampa E-mail

san_salvatoreLEGGI LE ALTRE NOTIZIE SU PESARO

PESARO. E' già attivo, come ogni anno dal 2001, il servizio di dialisi estiva. La struttura di Nefrologia e Dialisi dell'azienda Ospedaliera San Salvatore, diretta dalla dottoressa Marina Di Luca, è partita con un servizio di notevole utilità per i pazienti dializzati che vengono a Pesaro per trascorrere

Leggi tutto...
 
Ancora si muore di parto, 2 giovani mamme morte a distanza di pochi giorni Stampa E-mail

21 ottobre 2015 - Morire di parto oggi nel 2015 può sembrare obsoleto ed anacronistico, ma purtroppo è realtà. In soli due giorni due giovani mamme sono morte dopo aver messo alla luce i loro figli.
La notizia è di poche ore fa: una donna di 26 anni, di origini brasiliane, è morta durante il parto all'ospedale Agnelli di Pinerolo, nel Torinese. Alla quarantesima settimana di gestazione era entrata nell’ospedale San Giovanni di Dio, insieme al marito. Era una visita già programmata. Tutti erano tranquilli, medici compresi. Per complicazioni durante il travaglio, è stata sottoposta a un taglio cesareo d'urgenza. La bambina, appena nata, è stata trasportata subito all'ospedale Santa Croce di Cuneo a causa di una grave crisi respiratoria. Le condizioni della donna nel frattempo si aggravavano. Veniva quindi trasferita nel reparto di rianimazione dove poi è morta. La coppia aveva anche un altro figlio.
Solo quattro giorni fa stessa situazione, ma questa volta a Ragusa: una donna di 23 anni, di origini rumene, stava dando alla luce il suo secondo figlio quando qualcosa di non ancora precisato è andato storto. Dopo essere entrata in sala parto per un cesareo d'urgenza, durante la notte, riusciva a partorire il bimbo che veniva però trasferito subito in terapia intensiva per insufficenza respiratoria. Visto l'aggravarsi della situazione, il marito decideva di entrare in sala parto dalla moglie, ma, colto da malore in seguito alla vista del sangue, sveniva. Dopo circa 2 ore, come nei peggiori degli incubi, gli comunicavano il decesso della moglie. La coppia aveva un bimbo di tre anni.
Le famiglie di entrambe le povere mamme hanno, ovviamente, sporto denuncia al locale commissariato, la procura ha aperto un'inchiesta e l'Asp, contestualmente, un'istruttoria. Ma saranno le risultanze dell’autopsia a far luce sulla morte delle giovani mamme.

La morte per parto è un evento raro, inaccettabile, specialmente oggi, dopo gli straordinari progressi compiuti in medicina. Purtroppo in questi due anni in Italia sono morte 42 donne, la maggior parte delle quali a causa di complicanze della gravidanza e del parto. E forse potrebbero essercene di più. Poche o molte: questo non lo sappiamo. Perché il progetto pilota di sorveglianza della mortalità materna, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità (iss), ha coinvolto solo 6 regioni (Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania e Sicilia). In particolare, la sorveglianza attiva, messa in piedi da due anni dal Centro Nazionale di Sorveglianza e Promozione della Salute dell’Iss, grazie a un finanziamento del Centro Controllo Malattie (CCM) del Ministero della Salute, ha creato una rete di circa trecento presidi sanitari pubblici e privati, che coprono solo il 49% dei nati nel Paese. Ora l’Iss punta ad allargare la rete dei presidi sanitari monitorati. Entro quest’anno si prevede l’ingresso di altre due Regioni, la Lombardia e la Puglia, in modo da arrivare a una copertura pari al 75% dei nati in Italia.  Intanto, però, si continua a morire di parto.
Immaginiamo le due giovani mamme col pancione mentre sistemano con cura in un cassetto il corredino del piccolo in arrivo. Le immaginiamo mentre raccontano agli altri figli dell'arrivo del fratellino e di come bisognerà festeggiare. Le immaginiamo preparare la borsa per l'ospedale ed accarezzare il vestitino che metteranno al piccolo appena nato.
Ed ora invece parliamo di commissioni d’inchiesta, indagini e verifiche che forse serviranno a far luce su eventuali responsabilità, chissà!
Ma il punto è che per l'ennesima volta e alle soglie del 2016 una culletta verrà portata a casa senza che nessuno riesca a festeggiare la nascita perché si piange una morte. Ed ogni compleanno di quei bambini coinciderà con il ricordo di grave lutto. E davanti a queste tragedie, ti guardi intorno e provi un certo senso di imbarazzo per l’attività quotidiana di certi medici e certi amministratori. Impegnati spesso a farsi dispetti e sgambetti per assicurarsi un posto migliore sulla scala della notorietà e passare il tempo ad assicurarsi il proprio futuro.
Oggi, però, l'ennesima mamma il proprio futuro non ce l’ha più e l'ennesimo bimbo rimane orfano dopo solo pochi minuti dalla nascita. Un bimbo che spesso traumatizzato viene ricoverato d'urgenza in terapia intensiva accompagnato da un papà ancora troppo sconvolto per la morte della propria compagna. Di loro nessuno saprà più niente, delle loro tristi giornate nessuno più scriverà. Ma questo è un altro problema!

Elena Pompei -   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
Utero in affitto, Consiglio d’Europa: "E' una violazione della dignità umana" Stampa E-mail
gravidanza_
Leggi tutto...
 
«InizioPrec.31323334353637Succ.Fine»

Pagina 37 di 37
 
Cop_Mi_manda_Picone
TIGRE_dinamico_196x196
Banner
Picenamb_luglio_196x196
Banner
Rist_Xin_x_sito_giu18_ok
Banner
Oleificio_Silvestri_x_sito
Banner
Della_Ciana_x_sito_2018
Banner
S._Stefano_x_sito
Banner
Banner
Cantine_di_Castignano_x_sito
Banner
Banner_loc._compleanni
Banner
RFN_x_sito
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
LAPROVINCIAMARCHE.IT QUOTIDIANO ISCRITTO ALLA SEZIONE STAMPA DEL TRIBUNALE DI AP CON N. 490 - EDITORE: Editrice Programmare Via Lombardia, 9 - San Benedetto Tr. - REDAZIONE: Via Padre S.Damiani, 40 - San Benedetto Tr. - Tel. 3804650790 - e-mail: redazione@laprovinciamarche.it - DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei - TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI