Si inaugura la seconda fontana del progetto "Acqua del sindaco" Stampa

acquaFOLIGNANO 7.9.2011 - Dopo quella di Villa Pigna, sabato 10 settembre verrà inaugurata la fontana di Piane di Morro, a piazza Giovanni Paolo II

Verrà inaugurata sabato 10 settembre alle 18:30 la seconda fontana del progetto "Acqua del sindaco". Dopo Villa Pigna, dove la fontana è attiva da più di un mese, sarà la volta di Piane di Morro, a piazza Giovanni Paolo II. Sabato 17 settembre, poi, toccherà a Folignano, con la fonatna installata di fronte alla chiesa San Michele. Un'iniziativa che sta riscuotendo un grandissimo successo, come dimostra il grande afflusso di cittadini nella fontana già funzionante di Villa Pigna che nel primo mese di attività ha erogato oltre 40 mila litri d'acqua. Naturalmente molto soddisfatto il sindaco Flaiani che sottolinea la validità del progetto. "Questa iniziativa - afferma - ha prodotto vantaggi per quanto riguarda la valorizzazione della nostra acqua, vantaggi ambientali e per ultimo vantaggi economici. I dati parlano chiaro: 40mila litri di acqua consumata di provenienza delle nostre sorgenti in un mese è un valore che conferma di aver sicuramente centrato l'obiettivo. Per maggior conoscenza mi sono recato presso qualche supermercato della zona per sapere se si è ridotta la vendita di acqua minerale in bottiglia. Le risposte sono state varie, ma siamo all'incirca sotto del 50% delle vendite di acqua minerale in bottiglia. Ma soprattutto non ho trovato musi lunghi come qualcuno pensava. Dal punto di vista ambientale si tenga presenta che per imbottigliare 40mila litri di acqua occorrono almeno 25mila bottiglie di Pet che successivamente dovevano essere collocate nella raccolta differenziata. Con questi valori  possiamo prudenzialmente affermare che questa iniziativa ha permesso, in un solo mese, di ridurre l'utilizzo di almeno 20mila bottiglie di plastica e quindi il risparmio, in termini di produzione di rifiuto, della stessa quantità. Un successo, in un solo mese abbiamo evitato la produzione e smaltimento di una montagna di plastica. Dal punto di vista economico occorre innanzitutto tenere presente i dati di consumo mensile per valutare quanto risparmio economico abbiamo permesso di ottenere agli utilizzatori dell'acqua delle nostre sorgenti. In totale i cittadini hanno speso alla fontana comunale 2mila euro ( 40mila x 0,05 ). Se confrontiamo questa spesa con quella che avremmo sostenuto acquistando la stessa quantità di acqua al supermercato vengono fuori importi impressionanti. Anche in questo caso massima prudenza, valutiamo che il costo medio al litro al supermercato di acqua in bottiglia sia di 25 centesimi. Moltiplicato per 40mila litri fa un costo complessivo di 10mila euro. Ecco una conferma importante: complessivamente gli utilizzatori dell'acqua della fontana comunale hanno risparmiato almeno 8mila euro, un importo notevole anche perchè mensile. Mi  piace sapere che questi 8mila euro sono rimaste nelle tasche delle famiglie di Folignano".

Francesco Di Silvestre - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.