Controlli della Capitaneria, sequestrati oltre 180 kg. di pesce e multe per quasi 30.000 euro Stampa
Cap_Porto_sequestro_3-3-19

SAN BENEDETTO 3.3.2019 - Nei giorni scorsi, il personale della Capitaneria di porto di San Benedetto del Tronto, insieme al personale di Porto San Giorgio e di Cupra Marittima, ha effettuato una complessa attività di vigilanza in materia di pesca sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Ancona.

I controlli effettuati nell’ambito del territorio delle Provincie di Ascoli Piceno e di Fermo, hanno avuto come obiettivi primari la prevenzione e la repressione di attività illecite sulla intera filiera della pesca, dallo sbarco del prodotto ittico in banchina fino alle successive fasi di trasporto e commercializzazione, con particolare riguardo alla verifica di prodotto pescato e commercializzato sotto la taglia minima consentita dalla normativa.

Particolare attenzione è stata posta alla fase dello sbarco in banchina del prodotto ittico, con controlli mirati sia alla verifica della regolarità del pescato, alla validità dei documenti inerenti la tracciabilità, oltre che all’accertamento della corretta composizione degli equipaggi.

In particolare questi controlli hanno portato all’individuazione di 145 kg. di merluzzi, già lavorati e pronti per essere venduti da parte di un centro di lavorazione e stoccaggio della Provincia di Ascoli Piceno, che, alla verifica del personale della Guardia Costiera, sono risultati tutti allo stato di novellame. Il prodotto è stato posto sotto sequestro.

 

Enrico Medici - www.laprovinciamarche.it

REDAZIONE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (Silvestro Pompei) 

FACEBOOK: La Provincia Marche

 

 

 

Durante l’intero periodo sono state elevate sanzioni per un ammontare di 29.500 euro e sono stati sequestrati 180 kg. di prodotto ittico.

L’attività di controllo ha la finalità di tutelare la risorsa ittica dalla pesca indiscriminata che provoca l’inesorabile depauperamento della fauna marina.