Raccolta di firme contro gli autovelox Stampa

autovelox-ASCOLI 26.10.2011 - La promuovono i gruppi consiliari del Pd e dell'Udc che ipotizzano anche il ricorso al referendum

Una raccolta di firme contro la nuova tassa che grava sugli automobilisti piceni attraverso l'utilizzo degli autovelox disposto dalla Provincia. La promuovono i gruppi consiliari del Pd e dell'Udc secondo i quali  “è ormai evidente che alla Provincia interessa solo fare cassa mettendo le mani nelle tasche dei cittadini. Si è cercato di camuffare quello che è il vero intento dell’amministrazione e lo si è fatto in maniera ipocrita. Da questo punto di vista tutta la vicenda assume un sapore sgradevole. Nel corso della trattativa ci si è avvalsi di dirigenti che nulla hanno a che vedere con i temi della viabilità e della riclassificazione delle strade. Insomma, ci si è affidati al servizio finanziario, dimenticandosi, invece, dei tecnici che, poi, sono quelli che meglio conoscono il territorio e lo stato di pericolosità delle strade. Una vicenda condotta con superficialità e sulla quale presenteremo una interpellanza urgente in consiglio provinciale, mentre possiamo annunciare che dai prossimi giorni il Pd inizierà una raccolta di firme contro l’iniqua gabella rappresentata dagli autovelox della Provincia”. L'Udc dichiara anche di non volersi limitare alla raccolta di firme ma ipotizza anche il ricorso al referendum e sta preparando una serie di iniziative di protesta contro gli autovelox.

Roberto Roberti - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.