Operazione antidroga alla stazione, arrestato spacciatore 25enne Stampa
arresto_polizia_525x300

FANO 11.1.2021 - La Polizia di Stato nell’ambito del contrasto al traffico di stupefacenti, nell’ultimo fine settimana ha arrestato un 25enne, di origini nigeriane, residente in Emilia Romagna e regolare sul Territorio Nazionale, ritenuto responsabile del reato di spaccio.

In particolare gli agenti del Commissariato di Fano, nel corso degli ultimi servizi di pattugliamento e controllo, hanno notato la presenza, nei pressi della Stazione, di alcuni soggetti conosciuti quali abituali assuntori di stupefacenti. I successivi approfondimenti condotti dai poliziotti, coordinati dal dirigente dott. Stefano Seretti, hanno evidenziato la connessione tra quelle presenze sospette e la presunta attività di spaccio di droga esercitata da un cittadino nigeriano, che era solito giungere nella Stazione in treno negli orari di punta del traffico ferroviario, allo scopo di confondersi tra i passeggeri ed effettuare così in disturbato i suoi illeciti traffici, per poi ripartire con la corsa successiva.

Nella mattina di sabato 9 gennaio, gli agenti si sono finti passeggeri, e hanno notato alcune persone giungere in stazione ed incontrare brevemente all’interno del sottopassaggio, il 25enne appena sceso da un treno proveniente da Ancona. Gli agenti sono intervenuti identificando 3 persone, che avevano appena acquistato ciascuna una dose di eroina. Vistosi scoperto, il nigeriano ha reagito spintonando un poliziotto per poi darsi alla fuga a piedi verso i binari, dove è stato bloccato e arrestato. Addosso all'uomo sono stati trovati circa 1400 euro in contanti, che sono stati sequestrati in quanto ritenuti provento della cessione della droga. Il 25enne nigeriano ha patteggiato la pena di un anno di reclusione.

Silverio Pomili - www.laprovinciamarche.it  

REDAZIONE: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per gli altri articoli: www.laprovinciamarche.it