Terremoto sulla costa, riunioni straordinarie nei Comuni: scuole chiuse venerdi, incontri con i dirigenti scolastici, garanzia servizi. Tutte le decisioni Stampa

Sbt_faro_con_sfondo_porto_FOTO_NS SAN BENEDETTO 28.3.19 - In seguito alle scosse di terremoto della mattinata odierna sentite distintamente sulla costa tra San Benedetto e Porto San Giorgio che hanno determinato la chiusura di quasi tutte le scuole della fascia costiera interessata, alcuni Comuni si sono immediatamente attivati a tutela della sicurezza dei cittadini.

Il Comune di San Benedetto ha allestito un tavolo tecnico per valutare eventuali iniziative ed interventi al termine del quale ha diffuso il seguente comunicato: "A seguito della scossa di terremoto di magnitudo 3.6 registrata alle 10.55, si è riunito il tavolo tecnico comunale coordinato dal vice sindaco Assenti in assenza del sindaco, impegnato fuori città ma costantemente informato sull’evolversi della situazione. Il tavolo ha preso in esame le eventuali condizioni che potessero giustificare l’emanazione di un’ordinanza per lo sgombero degli edifici pubblici cittadini, compresi quelli scolastici. Preso atto che dalla Protezione Civile regionale non sono giunte comunicazioni specifiche e che dalle scuole o da altri edifici pubblici non sono pervenute segnalazioni riguardanti possibili danni alle strutture, il tavolo non ha ravvisato le condizioni per poter proporre al sindaco la firma dell’ordinanza. Naturalmente resta in vigore lo stato di massima attenzione e in tal senso l’amministrazione comunale invita a segnalare eventuali danni a strutture pubbliche per procedere alle verifiche del caso. Nei prossimi giorni il sindaco, insieme ai tecnici comunali, incontrerà le dirigenze scolastiche e i responsabili per la sicurezza delle scuole cittadine per chiarire e, se necessario, meglio definire le procedure che debbono essere attuate in questi casi.

Il Comune di Cupra Marittima ha deciso, invece, di chiudere le scuole cittadine anche nella giornata di domani venerdi con il seguente comunicato diffuso attraverso il sito istituzionale: "Avvertiamo la cittadinanza che, in considerazione delle recenti scosse di terremoto che stanno interessando il nostro territorio, le scuole di ogni ordine e grado di cupra marittima resteranno chiuse oggi 28 e domani venerdi 29 marzo, con possibilita' di estensione anche alla giornata di sabato 30 marzo p.v."

Questo, invece, il comunicato diffuso dal Comune di Porto San Giorgio"Alla luce delle recenti scosse sismiche a largo della costa picena, il Comune di Porto San Giorgio continuerà a garantire il servizio scolastico, ivi compreso il servizio mensa, a tutti gli alunni.  Le famiglie e i genitori che ritengono, per una maggiore serenità, di voler prelevare i propri figli potranno farlo in qualsiasi orario presso ogni singolo plesso. Si ringrazia la cittadinanza per la collaborazione.

Per quanto riguarda gli altri due Comuni interessati dal terremoto, cioè Grottammare e Pedaso, al momento non hanno diffuso informazioni specifiche per la cittadinanza.

 

Alessandro Lorenzi - www.laprovinciamarche.it

REDAZIONE: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (Silvestro Pompei)

FACEBOOK: La Provincia Marche