Il sindaco Gramillano estromette l'Italia dei Valori Stampa

gramillano_200x100ANCONA 29.2.2012 - A reggere la traballante amministrazione comunale Pd,Ps, Api e Udc, dipietristi accusati di "doppiezza"

Il sindaco di Ancona, Fiorello Gramillano, ha incontrato nel pomeriggio il segretario comunale dell'Idv, Paolo Eusebi, al quale ha comunicato la decisione di non coinvolgere il partito nella nuova giunta di centrosinistra. A reggere la maggioranza del governo cittadino saranno i Pd, Ps, Api e Udc, che hanno firmato l'accordo la scorsa settimana, che ha evitato il commissariamento del comune e le lezioni anticipate. "Le invalicabili divergenze su alcuni temi del programma - ha dichiarato Gramillano subito dopo l'incontro -, come le politiche culturali e quelle dei servizi pubblici, oltre la mancanza di fiducia reciproca dimostrata anche durante la trattativa fino alle ultime ore, non possono che confermare questa, che e' una scelta mia personale e del Pd comunale". Secondo il primo cittadino, inoltre, "le divergenze e i cambi di rotta continui che l'amministrazione ha dovuto sopportare in questo ultimo anno, oltre gli attacchi strumentali alla mia persona e alla giunta che ha lavorato con me, sono la conferma di come sia impossibile qualunque tipo di accordo" con i dipietristi. Gramillano ha anche aggiunto che "la doppiezza che l'Idv ha dimostrato fino all'ultimo, con la sottoscrizione dell'accordo oltre i tempi inizialmente prestabiliti nella speranza di portare la citta' ad elezioni anticipate, rendono evidenti le insuperabili differenze anche di metodo, considerato, tra l'altro, che vorrebbero anche interferire sulla scelta degli assessori e l'attribuzione delle deleghe, prerogativa esclusiva del sindaco

Walter Novelli Questo indirizzo e-mail รจ protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.