Bambino morto per l'otite, avviso di garanzia al medico omeopatico ed ai genitori Stampa

carabinieri-notte_525x300

URBINO 29.5.2017 - E' stato sottoposto ad una perquisiszione domiciliare il dott. Massimiliano Mecozzi il medico che avrebbe curato con farmaci omeopatici l'otite che avrebbe ucciso il piccolo Francesco il bambino di 7 anni giunto in coma all'ospedale pediatrico regionale Salesi proprio per le conseguenze dell'otite contratta da circa due settimane. Nella casa del medico, che opera in un ambulatorio a Pesaro ed uno a Fano, i carabinieri avrebbero sequestrato computer, telefonino, ricettari e farmaci. Oltre al medico, sarebbero indagati anche i genitori del bambino.

 

Il piccolo Francesco era giunto al Salesi in condizioni disperate dopo che i medici dell'ospedale di Urbino, dove il piccolo era stato portato dai genitori dopo che aveva perso conoscenza, aveva rilevato che il bimbo aveva subito danni cerebrali.

Al nosocomio anconetano hanno tentato di rimuovere chirurgicamente l'infezione, ma nonostante ciò il bambino non si è ripreso dal coma e ieri sera è stato considerato clinicamente morto.

I genitori hanno autorizzato l'espianto degli organi che è stato effettuato nelle stessa serata. Domani sarà effettuata l'autopsia.

 

Silverio Pomili - www.laprovinciamarche.it

Email:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Facebook: La Provincia Marche

Direttore responsabile:

Silvestro Pompei -  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.