Cresce l'emergenza Covid nelle Marche, arrivano medici ed infermieri della Marina Militare Stampa

Marina_militare_ad_Ancona_ok

ANCONA 13.1.2021 - “Sta arrivando in queste ore il personale sanitario della Marina militare da assegnare alle Rsa e alle Case di riposo marchigiane come da mia richiesta. Inoltre, la sanità della Marina militare oggi ha monitorato il presidio ospedaliero di Urbino per verificare se le risorse professionali militari possono coprire le esigenze dell’ospedale di Urbino colpito da contaminazione Covid del suo personale. Infine è stata avviata la pratica con il Gores per dotare di personale medico militare anche l’ospedale Murri di Fermo, ma ancora non c’è stato riscontro”.

Lo ha annunciato con soddisfazione l’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini, che ringrazia la sanità della Marina militare per la preziosa collaborazione ed il costante aiuto offerto alla comunità marchigiana nel fronteggiare le situazioni di emergenza Covid.

“Collaboreranno con le strutture dell’Asur - ha spiegato l'assessore - garantendo con appropriatezza e continuità un sostegno aggiuntivo per salvaguardare la fascia più anziana e fragile della popolazione marchigiana”.

Per il momento il Comando operativo di vertice interforze (Coi), ha così ripartito il proprio personale: un medico e due infermieri saranno assegnati da domani, 14 gennaio, alla Rsa di Sarnano; un team composto da un medico e tre infermieri da venerdì 15 gennaio sarà in servizio presso la Rsa di Tolentino; dal 19 gennaio ad Esanatoglia verranno assegnati un medico e due infermieri; è poi previsto, sempre per la prossima settimana, l’arrivo di personale medico militare nella Rsa di Porto Recanati. Seguirà l'intervento presso gli ospedali in emergenza.

 

(Silvio Silvestri – www.laprovinciamarche.it)

 

REDAZIONE: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   

 

Per gli altri articoli: www.laprovinciamarche.it