Tagli alle scuole, il sindaco in pressing sul nuovo dirigente scolastico regionale Stampa

agostiniALTRE NOTIZIE SULLA PROVINCIA DI FERMO

PORTO SAN GIORGIO. Cambia il direttore generale dell'ufficio scolastico regionale ed il sindaco Agostini torna alla carica in merito al taglio di classi delle scuole dell'infanzia e primarie sangiorgesi. Il resoconto dell'incontro tra il sindaco e il nuovo direttore

Il sindaco di Porto San Giorgio Andrea Agostini ha incontrato ad Ancona il nuovo direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale di Ancona Antonio Coccimiglio. Al centro del confronto i problemi relativi al taglio di classi della scuola dell'infanzia e primaria di Porto San Giorgio, che tanto sta preoccupando diverse famiglie sangiorgesi che hanno chiesto un impegno da parte del primo cittadino. "Dal nuovo direttore generale ho trovato disponibilità al dialogo ed alla ricerca di una soluzione nella direzione della qualità didattica - il commento del sindaco Agostini - La logica dei numeri al momento non sembra dare adito a nutrire speranze. Per la scuola primaria del plesso sud le unità iscritte sarebbero ulteriormente diminuite, fino a 34, pertanto 9 bambini dovrebbero essere spostati, unendosi ai 38 alunni iscritti alla scuola del centro. Complessivamente si prevedono in tal modo una sola classe da 25 studenti a sud e due classi da 24 e 23 alunni al centro. Quanto alla scuola dell'infanzia, il numero totale dei bimbi iscritti presso i tre plessi della nostra città, Borgo Costa, Borgo Rosselli e centro, sarebbe aumentato da 301 a 318, ma scendono quelle iscritte a sud, da 97 ad 89. Confido ancora nella possibilità che la situazione sia risolta a vantaggio della qualità scolastica e delle legittime richieste dei genitori. In settimana mi incontrerò inoltre con la dottoressa Daniela Medori, nuova dirigente scolastica di Porto San Giorgio, in sostituzione di Laurindo Vallorani, andato in pensione il mese scorso. Sono convinto di avviare da subito un rapporto cordiale per attivare una sinergia finalizzata a migliorare la qualità dei servizi scolastici".

 

28 luglio 2009

MARINO POMPEI ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )