Iniziativa "anticrisi" della Provincia: risparmi da 100 a 400 euro per il trasporto scolastico Stampa
scuolabusAgevolazioni nei costi degli abbonamenti mensili, trimestrali e annuali del trasporto scolastico per le famiglie con un reddito Isee compreso tra 13 mila e 25 mila euro. Previsti sconti dal 15% al 46% in modo che ogni famiglia pesarese non spenderà più di 66 euro per l'abbonamento mensile e di 462 euro per quello annuale. Nel dettaglio l'inziativa della Provincia di Pesaro
Le famiglie con un reddito tra 13mila e 25mila euro (da modello Isee certificato da un Caf), i cui figli percorrono più di 42 chilometri per andare a scuola, potranno usufruire di consistenti agevolazioni nei costi degli abbonamenti mensili, trimestrali e annuali, grazie all'iniziativa messa in campo dalla Provincia con la collaborazione di Adriabus ed il sostegno economico della Banca dell'Adriatico - Gruppo Intesa S.Paolo. Si tratta, come evidenziato in una conferenza stampa dal Presidente della Provincia Matteo Ricci, di un'importante misura "anticrisi", che riguarda in particolare le famiglie residenti nelle aree interne, più distanti dalle sedi scolastiche principali e dunque con costi degli abbonamenti più onerosi. Al tempo stesso, l'intervento incrocia anche altre esigenze: la volontà di un riequilibrio territoriale che accorci le distanze, e l'intenzione di sostenere il diritto allo studio dei giovani che vivono nei comprensori logisticamente più disagiati. 
Ad oggi, come evidenziato dall'assessore provinciale ai trasporti e mobilità Renato Claudio Minardi, l'abbonamento annuale per ogni studente comporta alle famiglie una spesa tra 168 euro e 865 euro (per distanze di 80-90km). Con il provvedimento, il cui costo verrà ripartito tra Provincia e Banca dell'Adriatico, ogni famiglia spenderà non più di 66 euro per l'abbonamento mensile e non più di 462 euro per quello annuale, con sconti dal 15% al 46%. La fascia di reddito interessata è quella da 13mila a 25mila euro, poiché per le famiglie con reddito fino a 13mila euro è già prevista un'agevolazione del 50% da parte della Regione Marche.
Il direttore generale della Banca dell'Adriatico Roberto Troiani ha sottolineato come, in un momento così particolare per l'economia, l'istituto di credito abbia ritenuto di aderire all'iniziativa perché risponde in pieno a due doveri a cui sta ottemperando: la responsabilità sociale nei confronti del territorio e l'importanza data ai giovani e allo studio, "visto che più ragazzi hanno la possibilità di studiare e farsi valere, più eccellenze riusciamo a mettere in campo". 
Per usufruire delle agevolazioni, le famiglie, come ricordato dal vice presidente di Adriabus Lorenzo Fiorelli, dovranno recarsi alla biglietteria con il modello Isee certificato da un Caf, ottenendo subito l'abbonamento a prezzo scontato. Nei prossimi giorni l'iniziativa verrà veicolata da Adriabus attraverso portali istituzionali, stampati ed i propri automezzi.

 

 

2 settembre 2009

SILVERIO POMILI - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.