Battaglia vinta, nessun taglio alla scuola primaria Borgo Rosselli Stampa

borgo_rosselliPORTO SAN GIORGIO. Ha dato i frutti sperata la lunga battaglia condotta dal sindaco Agostini e dai genitori. Oggi è arrivata l'ufficialità che è stato scongiurato il taglio di una sezione alla scuola primaria Borgo Rosselli ed il trasferimento dei bambini nel plesso al centro. La soddisfazione del sindaco Agostini

Una ‘battaglia' difficile, ma che alla fine ha segnato un punto a favore della città di Porto San Giorgio, degli alunni e delle loro famiglie. Si è infatti scongiurato il taglio di una sezione alla scuola primaria Borgo Rosselli, quartiere sud di Porto San Giorgio. Il nuovo anno, lunedì prossimo, partirà con due sezioni, senza il rischio di una classe eccessivamente numerosa e del trasferimento di ben 8 bambini dal plesso sud a quello centro. L'obiettivo è stato raggiunto sfruttando l'autonomia interna ed una redistribuzione dell'organico e del monte ore scolastico settimanale. I genitori dei bambini, che da mesi seguivano passo dopo passo tutti gli sviluppi di una vicenda che li aveva fortemente preoccupati, sono stati informati sabato mattina in una riunione. Oggi, a dare ufficialmente notizia dell'avvenuto mantenimento sono il sindaco Andrea Agostini e la nuova dirigente scolastica Daniela Medori. "Un risultato straordinario - commenta il primo cittadino sangiorgese - che abbiamo fortemente voluto. Qui si parlava della formazione dei bambini e della loro opportunità di andare a scuola nel loro ambiente e nelle condizioni migliori per la loro attività formativa ed educativa. Il merito principale va alla dirigente Daniela Medori ed al corpo docente della Borgo Rosselli. Io ho semplicemente fatto da propulsore affinché ogni strada fosse tentata per salvare le classi. Abbiamo interessato gli organi comunali, provinciali e regionali, convinti che ci fossero le condizioni per ottenere, in base all'autonomia organizzativa, il mantenimento delle due sezioni. Siamo orgogliosi di avercela fatta". "Ringrazio la disponibilità del corpo insegnante a rivedere l'assetto organizzativo dei plessi scolastici - continua la dirigente Daniela Medori - è stato determinante per riuscire a mantenere le due sezioni, che saranno di 17-18 elementi. Non è stato possibile, invece, salvare una sezione della scuola dell'infanzia. L'impegno per il prossimo anno sarà quello di riuscire a mantenere le due sezioni alla primaria ed a recuperare la classe tagliata quest'anno alla materna".

 

7 settembre 2009

MARINO POMPEI ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )