Tariffe scolastiche "scontate" per le famiglie con disoccupati o cassintegrati Stampa

mensa_scolasticaANCONA. Restano in vigore fino alla fin dell'anno gli interventi previsti dalla delibera del maggio scorso che prvedono agevolazioni per le tariffe di asili nido, mense e trasporto scolastico in favore delle famiglie anconetane che hanno lavoratori disoccupati o in cassaintegrazione. Nel dettaglio i beneficiari delle agevolazioni comunali

Resteranno in vigore fino alla fine dell'anno gli interventi previsti dalla delibera n.121 del maggio scorso sul Fondo di solidarietà per la crisi economica, che riguardano agevolazioni tariffarie alla famiglie di lavoratori residenti nel Comune di Ancona per quanto riguarda importanti servizi quali asili nido, mense e trasporti scolastici. Le risorse disponibili ammontano a circa 20.000 euro.
Grazie ad un accordo con il Distretto Sociale e i sindacati Cigl Cisl e Uil è pertanto ancora possibile fare domanda entro il 31 dicembre 2009 per ottenere un sostegno economico da parte de nuovi cassaintegrati e disoccupati che vivono una situazione di difficoltà per via della crisi attuale.
Beneficiari delle agevolazioni sono specificamente i lavoratori disoccupati che hanno perso il lavoro negli ultimi 6 mesi a causa di licenziamento o dimissioni per giusta causa; i lavoratori disoccupati che hanno perso il lavoro negli ultimi 6 mesi a causa della scadenza di un precedente contratto di lavoro a termine non rinnovato (compresi i contratti di collaborazione, a progetto e di somministrazione); lavoratori che, negli ultimi 6 mesi, sono stati collocati in cassa integrazione guadagni o sospesi e/o interessati da una riduzione dell'orario, pari almeno al 50% del limite contrattuale individuale.
I lavoratori che si trovano nelle situazioni sopra riportate ed i cui figli utilizzano uno dei seguenti servizi erogati dal Comune:
• Nido d'infanzia,
• Mensa scolastica,
• trasporto scolastico,
possono chiedere il ricalcolo delle rette dei relativi servizi tenendo conto della mutata situazione reddituale.

 

Il ricalcolo delle tariffe comporta che alle rette determinate in base alla deliberazione della Giunta municipale n. 57 del 17/2/2009 si applicano ulteriori riduzioni che vanno mediamente dal 40% al 100%

Per le famiglie monoreddito, il licenziamento, o il mancato rinnovo del contratto a termine dell'unico lavoratore comporta l'esenzione totale delle tariffe di tutti i servizi comunali oggetto del presente provvedimento.
Il ripristino della situazione lavorativa per i lavoratori disoccupati ed il ripristino per almeno quattro settimane continuative della situazione lavorativa per i lavoratori interessati da sospensione o riduzione di orario, equivalenti a quelle che hanno dato origine alla richiesta di ricalcolo delle tariffe, devono essere comunicate al Comune di Ancona, da parte dei beneficiari, entro 20 giorni dal loro verificarsi a mezzo di raccomandata a/.r. e producono, a decorrere dal mese in cui si sono verificate, la immediata sospensione del beneficio concesso e conseguente ripristino delle tariffe precedentemente applicate.
Coloro che intendono richiedere le agevolazioni devono utilizzare uno stampato elaborato dagli uffici nella forma della dichiarazione sostitutiva di atto notorio.

 

10 novembre 2009

WALTER NOVELLI ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )