Il 7 gennaio le scuole nelle Marche non riapriranno, il vice presidente della Regione: "Questa mattina penseremo un'ordinanza per la chiusura delle scuole marchigiane" Stampa

Aula_con_banchi_vuoti

ANCONA 4.1.2021 - E' sempre più concreta l'ipotesi che nelle Marche le scuole non riapriranno il 7 gennaio come deciso dalla ministra Azzolina.

E' lo stesso vice governatore della Regione Mirco Carloni a suffragare tale ipotesi anticipando con un post sulla sua pagina Facebook che la Giunta regionale, proprio in mattinata, potrebbe emettere un'ordinanza che rinvia la ripresa delle lezioni in presenza.

"Stanotte - ha scritto questa mattina Carloni su Facebook - il governo ha comunicato la volontà di restringere i parametri. Cionostante le scuole verranno riaperte il 7 (salvo chi è in zona rossa). Io ho ribadito, puoi ascoltare mio intervento alla Conferenza Stato Regioni, che è un controsenso restringere i parametri per fare scattare la zona arancione a rt superiore ad uno perché giustamente preoccupa l'aumento della curva dei contagi cosi come la pressione sugli ospedali e poi riaprire le scuole.

Delle due l'una: se il contagio va ridotto il sacrificio non va chiesto solo a commercianti e palestre cosi come a coloro che stanno vedendo il loro lavoro chiuso e dall'altra parte si riapre l'attività scolastica sapendo che il contagio avviene ormai con evidenza dentro le case non nei ristoranti o nelle palestre.

Pertanto stamattina stiamo pensando ad una ordinanza che stabilisca la chiusura delle scuole nelle Marche dal 7 gennaio a tutela dei nostri concittadini e cerchiamo contemporaneamente di mantenere la nostra regione in zona gialla per evitare ulteriori danni all'economia.

Ognuno deve fare la sua parte cercando di evitare il contagio. Utilizza lo screening che abbiamo messo a disposizione per la tua tutela e dei tuoi cari".

 

Silvio Silvestri - www.laprovinciamarche.it

 

REDAZIONE:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per gli altri articoli: www.laprovinciamarche.it