CNA Picena. Cantieri chiusi e ricostruzione ferma, l'edilizia ha bisogno di un piano straordinario come dopo la guerra Stampa
cantiere_edile_senza_persone
ASCOLI 20.4.2020 - Le attività del settore costruzioni sono ferme, ma già prima del lockdown avevano registrato rallentamenti, sia logistici per problemi legati all’approvvigionamento dei materiali, sia in termini di operatività per le decisioni dei committenti di rinviare lavori già iniziati o programmati. La Cna di Ascoli Piceno lancia un forte segnale di preoccupazione per un comparto strategico come quello dell'edilizia.

Ora questo blocco - spiega il presidente della Cna Picena, Luigi Passaretti - che si inserisce nel nostro territorio in un contesto già pesante e complicato determinato dal terremoto. Per questo chiediamo misure più incisive a livello nazionale e azioni mirate e specifiche per le problematiche aggiuntive che ha il nostro territorio”.

Cna Ascoli rileva che stanno saltando le ristrutturazioni previste per la primavera e i numerosi rifacimenti delle facciate, messi in cantiere grazie ai bonus fiscali; rinviate le gare d’appalto ed anche nel momento della ripartenza, enormi saranno i problemi nella gestione degli anticipi e degli incassi.

"La sopravvivenza del comparto delle costruzioni è a rischio. Il pericolo è che domani manchino le imprese che dovranno realizzare gli investimenti di un settore fondamentale per la tenuta economica e sociale del nostro Paese, che alla ripresa potrebbe valere una quota rilevante del Pil nazionale", aggiunge Francesco Balloni, direttore della Cna di Ascoli Piceno.

Le associazioni datoriali della filiera delle costruzioni, tra cui Cna Costruzioni, hanno rivolto un accorato appello a Governo e Parlamento per la messa in atto, immediata, di misure per garantire la sopravvivenza delle imprese e per l’adozione di un grande Piano di opere pubbliche e di incentivi per sostenere l’edilizia privata. Cinque le priorità indicate:

– condizioni chiare e univoche per gestire in sicurezza i cantieri;

– tempestiva iniezione di liquidità, pagamento dei crediti ed eliminazione dello split payment;

– pagare i lavori eseguiti con Sal emergenziale subito e Sal mensile a regime;

– piano straordinario per le costruzioni con erogazione di risorse agli enti locali per aprire cantieri e rafforzare incentivi per riqualificazioni edilizie;

– forte semplificazione di procedure e balzelli.

Per quanto riguarda invece lo specifico del nostro territorio, queste le proposte della Cna Picena:

– Defiscalizzazione totale per almeno 6 mesi;

– Erogazione alle imprese di un finanziamento immediato di liquidità pari ad almeno il 40% del fatturato medio realizzato negli ultimi due o tre anni;

– Erogazioni fondi per la disponibilità immediata relativa alle spese per la ripartenza, con somme previste per progetti di rilancio delle imprese;

– Anticipazione dei certificati di pagamento per i lavori, sia di enti pubblici sia di privati, senza pagamento degli interessi che verrebbero sostenuti dallo Stato;

– Programmazione di un piano di lavoro, che alimenti gli enti locali e contenga l’apertura di cantieri per interventi straordinari negli edifici pubblici.

(Enrico Medici - laprovinciamarche.it)


REDAZIONE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Per gli altri articoli di oggi su Laprovinciamarche.it clicca qui:

http://www.laprovinciamarche.it/index.php