Il Ministero dà l'ok e 25 milioni per la messa in sicurezza di una delle strade più pericolose teatro di 53 incidenti con tre morti Stampa

Incidente_morto_a_terra

ASCOLI 21.3.2021 - Grande soddisfazione del sindaco di Ascoli Marco Fioravanti per la notizia dell’inserimento da parte del Ministero delle Infrastrutture della variante di Mozzano nel Contratto di programma con l’Anas, grazie al quale il progetto dell’opera verrà finanziato con 25 milioni di euro.
"E’ una notizia che ci rende felici - ha dichiarato il primo cittadino - perché finalmente si porrà fine ad una problematica che dura da anni: quella della pericolosità di quel tratto di Salaria che ha causato nel tempo numerosissimi incidenti, sicuramente tra i più insidiosi del territorio comunale”.

Fioravanti ha, poi, spiegato come l’amministrazione  fin dal 2019 si sia impegnata per trovare una soluzione: “Seppure la gestione fosse dell’Anas, fin dal mio insediamento ho cercato di dialogare con gli altri enti, anche su impulso di una mozione del gruppo consiliare di Noi di Ascoli. Ho sempre detto che l’attenzione verso i paesi e le frazioni, specie sul piano della viabilità, dovrà essere uno dei nostri punti cardine dell’attività amministrativa. E così è stato anche in questo caso. 

Proprio la variante di Mozzano è stata tra i motivi di un incontro avuto solo pochi giorni fa con l’Anas dal quale è nato il nostro impegno nel sollecitare la Regione per attivarsi verso lo stesso ente e il ministero. Ora raccogliamo i frutti, sperando che questa previsione di spesa non sia che il primo di una serie di passi che possa portare quanto prima alla realizzazione della variante”.

Entusiasta anche il consigliere comunale di Noi di Ascoli Emidio Premici, depositario già nell’ottobre 2019 di una mozione per sollevare il problema: “Fin dalla loro nascita quelle curve sono state teatro di troppi incidenti, ben 53, di cui tre mortali. Oltretutto quel tratto tiene ‘in ostaggio’ i residenti della zona che, ritrovandosi una superstrada sotto la propria finestra, rischiano l’incolumità anche solo immettendosi nel traffico”.

La soddisfazione, poi, è dovuta anche dalla scelta di optare per la variante e non, come sembrava alcuni mesi fa, di una rotonda: “Era l’unica soluzione in grado di risolvere il problema. La superstrada e la vecchia Salaria, per la loro diversa tipologia, devono rimanere separate. Quello di oggi è un giorno atteso da troppo tempo non solo dai mozzanesi, ma da chiunque attraversi quella strada”.

(Silvio Silvestri – www.laprovinciamarche.it)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

REDAZIONE: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

DIRETTORE RESPONSABILE: Silvestro Pompei Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.