Individuato appartamento occupato abusivamente ed utilizzato come base di spaccio Stampa
Auto_polizia_con_113_in_primo_piano

MACERATA 14.4.2019 - Nell’ambito dell’attività di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti nella provincia di Macerata, è pressoché continua l’azione della Polizia diretta al controllo degli spazi a rischio, tra i quali i luoghi di aggregazione dei giovani, i parchi pubblici, le aree verdi, i terminal bus e la stazione ferroviaria. Oltre a questi, per alcuni giorni gli uomini della Squadra Mobile hanno tenuto sotto controllo un’abitazione del centro storico di Macerata, dove era stato segnalato un andirivieni di cittadini extracomunitari. Gli agenti quindi hanno iniziato una serie di appostamenti durante i quali è stato effettivamente riscontrato, a qualunque ora del giorno e della notte, un via vai di cittadini extracomunitari che entravano ed uscivano dallo stabile sempre in modo molto circospetto.

Nel pomeriggio di venerdì è stato deciso quindi un intervento: gli agenti hanno fatto irruzione all’interno di un appartamento di proprietà di un maceratese residente in altra zona, sito al 3° piano dello stabile dove, sono stati sorpresi tre cittadini di origine nigeriana rispettivamente di 39-37 e 46 anni, entrati abusivamente all’interno dell’abitazione.

Le perquisizioni effettuate sia sui tre nigeriani sia all’interno dell’appartamento, hanno dato esito negativo, tuttavia, da successivi riscontri investigativi e dai collegamenti incrociati effettuati attraverso la banca dati in uso alle Forze di Polizia si è riscontrato che l’appartamento era frequentato da pregiudicati per reati di spaccio, probabilmente i tre stavanpo organizzando uno spazio da utilizzare come base di appoggio clandestina quindi non censibile in città.

I tre, tutti denunciati all’Autorità Giudiziaria per invasione di edificio, sono stati allontanati e l’appartamento rimesso in sicurezza.

 

 

 

 

Giorgia Galanti - www.laprovinciamarche.it

REDAZIONE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

DIRETTORE RESPONSABILE:   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. (Silvestro Pompei) 

FACEBOOK: La Provincia Marche