"Fannulloni" e strapagati Stampa

parlamentoGodono di stipendi da circa 20 mila euro al mese, infiniti privilegi, quasi 40 mila euro di liquidazione e pensioni fino a 9 mila euro al mese. Ma sono tra i meno produttivi della Comunità europea. Ecco la classifica della produttività dei parlamentari marchigiani e dell'intero Parlamento

 

di Silvestro Pompei (direttore@laprovinciamarche.it)

Che quella dei parlamentari italiani fosse una casta dorata lo denunciamo da anni.

Ora, però, si scopre che all’interno di quella stessa casta ne esiste un’altra ancor più disgustosa: quella dei “fannulloni”.
Una casta della quale fanno parte centinaia e centinaia di parlamentari i quali, nonostante gli esagerati compensi ed agevolazioni (di gran lunga i maggiori d’Europa) di cui godono, risultano poco o per nulla produttivi. Almeno stando alla speciale classifica sulla produttività dei 630 deputati e 315 senatori che emerge da "Camere Aperte", il rapporto effettuato dall'associazione "Openpolis" sull'attività del Parlamento nei primi 2 anni e mezzo di legislatura (aprile 2008- dicembre 2010) .
Un rapporto che valuta non solo le presenze e gli interventi in Parlamento (in aula o in commissione), gli atti presentati (mozioni, interrogazioni, ordini del giorno, proposte di legge, emendamenti a proposte di legge), ma anche che fine hanno fatto quegli stessi atti: quanti sono stati discussi, votati o diventati legge, quanti, invece, sono rimasti solo intenzioni.
A suggerire il criterio di valutazione sulla produttività sono stati molti degli stessi deputati e senatori che hanno spiegato che la grandissima parte degli atti presentati, serva solo a dare contentini a gruppi di pressione, clientele e elettorati di riferimento.
Si presenta la tale interrogazione che nessuno prenderà mai in considerazione o la tale proposta di legge che non giungerà mai neppure all'esame della Commissione, solo per far vedere a qualcuno che si fa qualcosa. Con l’unico risultato di intasare gli uffici e riempirli di montagne di carta. In un contesto simile, valutare la sola quantità vuol dire valutare il nulla, o peggio il danno.

Per questo l'associazione Openpolis ha distinto dove ci sono lavoro politico e importanza del provvedimento e dove, invece, ce n'è poco o nulla. Ciò ha consentito all'associazione di stilare una speciale classifica dalla quale emerge che solo uno dei ventiquattro parlamentari marchigiani è tra i primi dieci, quattro sono tra il 60° ed il 100° posto, mentre tutti gli altri finiscono oltre il 100° posto con l’ultimo che sprofonda al 556° posto.
Analizzando nel dettaglio la classifica troviamo al primo posto tra i marchigiani il deputato Massimo Vannucci (PD) che alla Camera conquista un ottimo 8° posto mentre ultimo e penultimo finiscono rispettivamente Lapo Pistelli 556° e Maria Pia Merloni 504° entrambi del PD.

Anche al Senato primo ed ultimo tra i marchigiani sono esponenti del PD: primo Nicola Rossi al 64° posto, ultimo e penultimo rispettivamente Tonini, 258°, e Morri 280°.
Dunque, in generale, un rendimento davvero insoddisfacente per i parlamentari marchigiani che, nonostante ciò, mantengono inalterati i loro maxi stipendi, le loro super liquidazioni, le loro pensioni d’oro e tutti i loro infiniti privilegi. Così i parlamentari marchigiani, allo stesso modo di tutti gli altri loro colleghi, continuano a guadagnare oltre 20 mila euro, a prescindere dal loro impegno e dalla loro produttività.

Un "tesoretto" che, per i senatori è composto da uno stipendio (in politichese "indennità") lordo mensile di 12.005,95 euro che, al netto della ritenuta fiscale (4.015,18 euro) e delle quote contributive per l'assegno vitalizio (1.032,51 euro), per l'assegno di solidarietà (804,4 euro) e per a cui bisogna aggiungere 4.003,11 euro netti per il rimborso delle spese di soggiorno, 4.678,36 euro netti per lo svolgimento del mandato nel proprio collegio. Solo qualche spicciolo in meno va ai 16 deputati marchigiani che devono "accontentarsi" di poco meno grazie ad uno stipendio mensile di 11.703,64 euro lordi a cui bisogna aggiungere il rimborso delle spese per il soggiorno (4.003,11 euro netti ) e per lo svolgimento del mandato nel proprio collegio (4.190 euro netti al mese).

Tutti i 24 parlamentari marchigiani ricevono, inoltre, rimborsi annui per le spese telefoniche (4.150 euro i senatori, 3.098,74 euro i deputati) e di trasporto (15.379,37 euro i senatori, 13.294,80 i deputati).
Entrambi godono, poi, di innumerevoli privilegi (dalla gratuita circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea all'assistenza medica gratuita 24 ore su 24, dall'accesso e sosta gratuiti in tutti i centri storici italiani, all'ingresso gratuito in tutti i cinema, stadi, teatri, servizi gratuiti di parrucchieria, estetista, palestra).
Per non parlare dei regali e regalini che i parlamentari italiani decidono di farsi con i soldi dei cittadini (super computer, palmari, ecc...) e dei privilegi di fine mandato: maxi liquidazioni di oltre 40 mila per ogni legislatura e pensioni d'oro da un minimo di 2.925,91 euro al mese (2.400,19 euro per i senatori) ad un massimo di 9.362,91 euro (7.203,59 euro per i senatori).

Il tutto, ovviamente, pagato dai dai cittadini. Che, poi, sono gli stessi che con il loro voto li hanno sistemati in Parlamento. Una situazione che, vista la classifica della produttività, per i marchigiani aggiunge al danno economico, la beffa.

LA CLASSIFICA DELLA PRODUTTIVITA' DEI PARLAMENTARI MARCHIGIANI

Camera
8° Massimo Vannucci (Pd)
74° Amedeo Ciccanti (Udc)
98° David Favia (Idv)
122° Simone Balzelli (Pdl)
171° Oriano Giovannelli (Pd)
260° Luciano Agostini (Pd)
269° Carlo Ciccioli (Pdl)
279° Maria Letizia De Torre (Pd)
284° Remigio Ceroni (Pdl)
352° Mario Cavallaio (Pd)
391° Luca Paolini (Lega)
409° Ignazio Abrignani (Pdl)
445° Claudio Barbaro (Fli)
504° Maria Paola Merloni (Pd)
556° Lapo Pistelli (Pd)

Senato
64° Nicola Rossi (Pd)
86° Marina Magistrelli (Pd)
101°Luciana Sbarbati (G. misto)
109° Mario Baldassarri (Fli)
157° Francesco Casoli (Pdl)
202° Silvana Amati (Pd)
242° Salvatore Piscitelli (Pdl)
258° Giorgio Tonini (Pd)
280° Fabrizio Morri (Pd)

LA CLASSIFICA DELLA PRODUTTIVITA' DEI PARLAMENTARI ITALIANI (dal 1° al 100° posto)

SENATO

1° Gianpiero D'ALIA (UDC-SVP)
2° Carlo VIZZINI (PdL)
3° Felice CASSON (PD)
4° Lucio MALAN (PdL)
5° Filippo BERSELLI (PdL)
6° Donatella PORETTI (PD)
7°. Antonio D'ALI' (PdL)
8°. Luigi LI GOTTI (IdV)
9. Antonio AZZOLLINI (PdL)
10° Stefano CECCANTI (PD)
Giuliano BARBOLINI (PD)
Giovanni LEGNINI (PD)
Giampaolo BETTAMIO (PdL)
Gilberto PICHETTO FRATIN (PdL)
Marco PERDUCA (PD)
Roberto DE LLA SETA (PD)
Elio LANNUTTI (IdV)
Alfonso MASCITELLI (IdV)
Silvia DELLA MONICA (PD)
Luigi LUSI (PD)
Fabio GIAMBRONE (IdV)
Vittoria FRANCO (PD)
Antonio RUSCONI (PD)
Filippo BUBBICO (PD)
Cesare CURSI (PdL)
Roberto CENTARO (PdL)
Maria Fortuna INCOSTANTE (PD)
Enrico MORAND O (PD)
Vincenzo Maria VITA (PD)
Francesco PARDI (IdV)
Luigi RAMPONI (PdL)
Maurizio SAIA (FLI)
Vidmer MERCATALI (PD)
Angelo Maria CICOLANI (PdL)
Enzo BIANCO (PD)
Massimo GARAVAGLIA (Lega)
Lamberto DINI (PdL)
Marco FILIPPI (PD)
Paolo GIARETTA (PD)
Cosimo LATRONICO (PdL)
Salvatore FLERES (PdL)
Rossana Lidia BOLDI (Lega)
Domenico BENEDE TTI VALEN TINI (PdL)
Anna Maria CARLONI (PD)
Rita GHEDINI (PD)
Adriana POLI BORTONE (UDC-SVP)
Walter VITALI (PD)
Rosario Giorgio COSTA (PdL)
Gianvittore VACCARI (Lega)
50° Franco MUGNAI (PdL)  
Andrea PASTORE (PdL)
Filippo SALTAMARTINI (PdL)
Felice BELISARIO (IdV)
Giuseppe VALDITARA (FLI)
Anna Cinzia BONFRISCO (PdL)
Mariapia GARAVAGLIA (PD)
Simona VICARI (PdL)
Antonio GENTILE (PdL)
Giovanni PISTORIO (Misto)
Maurizio CASTRO (PdL)
Patrizia BUGNANO (IdV)
Raffaele RANUCC I (PD)
Franco ASCIUTTI (PdL)
Nicola ROSSI (PD)
Francesco BEVILACQUA (PdL)
Paolo TANC RED I (PdL)
Stefano PED ICA (IdV)
Giuseppe LUMIA (PD)
Fiorenza BASSOLI (PD)
Ignazio R. M. MARINO (PD)
Pietro MARCEN ARO (PD)
Manfred PINZGER (UDC-SVP)
Sandro MAZZATORTA (Lega)
Giorgio ROILO (PD)
Antonio PARAVIA (PdL)
Giuliana CARLINO (IdV)
Alberto MARITATI (PD)
Luigi VIMERCATI (PD)
Giuseppe VALEN TINO (PdL)
Paolo SCARPA BONAZZA BUORA (PdL)
Dorina BIANC HI (UDC-SVP)
Riccardo CONTI (PdL)
Marilena ADAMO (PD)
Guido POSSA (PdL)
Gianpiero DE TONI (IdV)
Marina MAGISTRELLI (PD)
Oskar PETERLINI (UDC-SVP)
Maria Ida GERMONTANI (FLI)
Anna FINOCC HIARO (PD)
Maria LED I MAIOLA (PD)
Andrea FLUTTERO (PdL)
Enrico MUSSO (Misto)
Sergio DIVINA (Lega)
Gabriele BOSCE TTO (PdL)
Francesca Maria MARINARO (PD)
Alberto FILIPPI (Lega)
Luigi D'AMBROSIO LETTIERI (PdL)
Claudio MOLINARI (PD)
Helga THALER AUSSERHOFER (UDC-SVP)
100° Massimo BALDINI (PdL)

CAMERA

1° Antonio BORGHESI (IdV)
2° Pier Paolo BARETTA (PD)
3° Donato BRUNO (PdL)
4° Manlio CONTEN TO (PdL)
5° Stefano STEFANI (Lega)
6° Franco A. G. NARDUCC I (PD)
7° Edmondo CIRIELLI (PdL)
8° Massimo VANN UCC I (PD)
9° Manuela GHIZZONI (PD)
10° Antonio DI PIETRO (IdV)
Maria A. FARINA COSCIONI (PD)
Donatella FERRANTI (PD)
Rita BERNARDINI (PD)
Karl ZELLER (Misto)
Marco G. REGUZZONI (Lega)
Elisabetta ZAMPARUTTI (PD)
Teresio DE LFINO (UDC)
Giuliano CAZZOLA (PdL)
Giulia BONGIORNO (FLI)
Giuseppe F. M. MARINE LLO (PdL)
Roberto ZACC ARIA (PD)
Maurizio TURCO (PD)
Gioacchino ALFANO (PdL)
Massimo POLLED RI (Lega)
Alessandro MARAN (PD)
Enzo RAISI (FLI)
Michele Pompeo META (PD)
Renato CAMBURSANO (IdV)
Livia TURCO (PD)
Giuseppe CALDE RISI (PdL)
Maurizio FUGATTI (Lega)
Chiara MORONI (FLI)
Emerenzio BARBIERI (PdL)
Cesare DAMIANO (PD)
Federico PALOMBA (IdV)
Fabio EVANGELISTI (IdV)
Jole SANTELLI (PdL)
Mario TASSONE (UDC)
Isabella BERTOLINI (PdL)
Paola BINE TTI (UDC)
Domenico DI VIRGILIO (PdL)
Valentina APREA (PdL)
Alessandra SIRAGUSA (PD)
Agostino GHIGLIA (PdL)
Silvano MOFFA (Misto)
Tommaso FOTI (PdL)
Gianclaudio BRESSA (PD)
Giuseppe PALUMBO (PdL)
Mario VALDUCC I (PdL)
50° Angelo ALESSAND RI (Lega)  
Enrico COSTA (PdL)
Massimo CORSARO (PdL)
Aldo DI BIAGIO (FLI)
Raffaella MARIANI (PD)
Anna Teresa FORMISANO (UDC)
Raffaello VIGNALI (PdL)
Salvatore CICU (PdL)
Sergio Michele PIFFARI (IdV)
Andrea LULLI (PD)
Angela NAPOLI (FLI)
Davide CAPARINI (Lega)
Enrico PIANE TTA (PdL)
Fabio GARAGNANI (PdL)
Giancarlo GIORGETTI (Lega)
Giovanni FAVA (Lega)
Marco Mario MILANE SE (PdL)
Carmelo LO MONTE (Misto)
Sesa AMICI (PD)
Sabina ROSSA (PD)
Ermete REALACC I (PD)
Gianfranco CONTE (PdL)
Alberto FLUVI (PD)
Paolo GRIMOLDI (Lega)
Amedeo CICC ANTI (UDC)
Beatrice LOREN ZIN (PdL)
Giovanni PALADINI (IdV)
Ludovico VICO (PD)
Massimiliano FED RIGA (Lega)
Giorgio C. STRACQUADANIO (PdL)
Angelo COMPAGNON (UDC)
Augusto DI STANISLAO (IdV)
Luisa CAPITANIO SANTOLINI (UDC)
Silvia VELO (PD)
Paola PELINO (PdL)
Anna Margherita MIOTTO (PD)
Aurelio S. MISITI (Misto)
Vincenzo GAROFALO (PdL)
Giulio CALVISI (PD)
Amalia SCHIRRU (PD)
Pierfelice ZAZZERA (IdV)
Gianluca PINI (Lega)
Antonio PALAGIANO (IdV)
Carlo MONAI (IdV)
Giorgio JANN ONE (PdL)
Mario LOVELLI (PD)
Antonino FOTI (PdL)
Giacomo STUCC HI (Lega)
David FAVIA (IdV)
Nicodemo N. OLIVERIO (PD)
100° Fabrizio CICCHITTO (PdL)

 

21.5.2011